Fondi nuovi e sostenibili

Nei primi mesi del 2016 sono nati in Europa oltre trenta comparti attenti alla responsabilità negli investimenti, di cui una decina è sbarcata in Italia, con strategie e focus diversi.

Sara Silano 26/05/2016 | 11:00
Facebook Twitter LinkedIn

Sono oltre trenta i fondi con un mandato socialmente responsabile che sono stati lanciati dall’inizio del 2016 in Europa. Di questi una decina sono disponibili anche per gli investitori italiani. L’ultimo, Nordea 1 – Global Stars Equity fund ha debuttato il 17 maggio ed è un azionario internazionale svincolato da benchmark, che combina la tradizionale selezione bottom-up (dal basso verso l’alto) dei titoli con l’attenzione ai fattori ESG (acronimo di Enviromental, social e governance). Gestito da Johan Swahn e Daniel Ovin di Nordea Asset Management, può contare su un team di 41 specialisti negli investimenti sostenibili.

Un febbraio caldo
La maggior parte dei neonati fondi di questo tipo, tuttavia, è stata collocata sul mercato italiano a febbraio. Due appartengono alla gamma BNP Paribas Easy e replicano rispettivamente l’andamento degli indici MSCI Europe ex UK e MSCI Pacific ex Japan che escludono dal loro paniere i produttori di armamenti, come bombe a grappolo, armi chimiche o biologiche, ecc. Uno è stato lanciato da Deutsche Asset Management, il Fixed Maturity FlexInvest ESG 2021, che si pone l’obiettivo di rivalutare il capitale, conservando un valore minimo pari almeno all’80% della quota (Nav), con investimenti che tengono conto di fattori ESG.

Il primo febbraio, invece, si è chiuso il collocamento del comparto UBI Sicav Social 4 Future, un bilanciato prudente, che costruisce il portafoglio seguendo principi di eticità e responsabilità sociale e che ha registrato sottoscrizioni per circa 280 milioni di euro. Inoltre, prevede la devoluzione di parte delle commissioni del primo anno al progetto Youth&Innovation dell’Unicef, per la formazione di 3 mila giovani siriani, palestinesi e libanesi presenti in Libano.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy