La Grecia non è una tragedia

Se anche il paese dovesse andare in default, dicono gli operatori, gli effetti sui mercati sarebbero limitati. Ma potrebbe diventare un pericoloso precedente. 

Marco Caprotti 28/01/2015 | 14:44

La Grecia anti-austerity fa più paura ai politici che hai mercati. È vero che le Borse, da quando il partito di sinistra radicale Syriza ha vinto le elezioni politiche (il suo leader e nuovo primo ministro ellenico Alexis Tsipras intende negoziare la riduzione del debito che ha raggiunto il 175% del Pil), hanno registrato una certa volatilità. Ma è difficile, dicono gli operatori, che la situazione possa diventare un problema per gli investitori. Almeno nel breve e medio termine.  

La preoccupazione dell’Eurozona politica è palpabile e si vede anche nelle questioni formali. Il presidente dell’Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, sarà venerdì ad Atene per incontrare il neo premier e il ministro delle finanze, Yanis Varoufakis. Giovedì a spostarsi sarà il presidente del Parlamento Ue, Martin Schulz. L’elemento nuovo è che si è rotta la tradizione secondo cui un capo di governo appena nominato fa le prime mosse e si reca nelle principali capitali europee e, in primo luogo, a Bruxelles per prendere i primi contatti e stabilire le basi per il dialogo politico con governi e istituzioni Ue. Tsipras, invece, riceve.

La Banca centrale europea, intanto, per bocca di un membro del comitato esecutivo, Benoit Coeurè, ha fatto sapere che è impossibile per l’Eurotower accettare una ristrutturazione dei titoli del debito greco in suo possesso. “Per ragioni giuridiche”, ha avvertito. Il mandato della Bce, ha spiegato, proibisce alla Banca di finanziare gli stati europei e sarebbe, di fatto, quello che si verificherebbe in caso di ristrutturazione del debito. La Bce detiene attualmente 27,2 miliardi di debito greco negoziabile, pari al 42% del totale. Il 20 luglio sono in scadenza obbligazioni per 3,5 miliardi di euro e altre due emissioni, per 3,2 miliardi, scadono in agosto.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar