Per continuare ad usare il sito, devi abilitare i cookies. Clicca qui per avere maggiori informazioni sulla nostra policy relativa ai cookie e sul tipo di cookies che usiamo. Accetto i Cookies

Etf azioni Europa e Usa, la scelta non manca

Su Borsa Italiana sono quotati 88 replicanti dedicati all’equity europeo e 61 a quello statunitense. Con un’offerta così ampia, la selezione diventa ancora più difficile.

Valerio Baselli 19/06/2017 | 09:36

Gli Exchange traded fund (Etf) nacquero per replicare i grandi indici azionari internazionali. Certo, nel corso del tempo i tracker hanno poi conquistato altri “territori” (il reddito fisso, le materie prime, gli indici settoriali, gli investimenti tematici, ecc.), ma l’equity dei mercati sviluppati resta ancora la classe di attivi in cui gli Etf danno il meglio, in termini di fedeltà di replica, liquidità e masse gestite.

I benchmark azionari europei e statunitensi, in questo senso, non fanno eccezione. Basti pensare che gli investitori italiani interessati a queste due asset class possono scegliere tra 149 replicanti quotati a Piazza Affari, 88 dedicati al mercato europeo e 61 a quello a stelle e strisce. Tra questi, da segnalare anche 58 prodotti che fanno parte della famiglia Strategic Beta. Insomma, un’offerta molto ampia e ben diversificata, che spazia attraverso ben 15 categorie Morningstar.

Il rally dei mercati azionari post crisi 2008 ha spinto gli investitori verso i fondi passivi quotati, meno costosi e più facili da gestire rispetto ad altre forme d’investimento. Secondo i dati Morningstar, le masse gestite a livello europeo a fine maggio 2017 per i replicanti della macro categoria Azionari Europa (circa 98 miliardi di euro) sono quasi cinque volte quelle di fine 2008. Ancora più impressionante la crescita del patrimonio degli Etf della macro categoria Azionari Usa, passato da 7 a 94 miliardi di euro nello stesso periodo.

Per quanto riguarda i flussi, i prodotti “americani” hanno incassato una raccolta netta positiva ogni anno dal 2008 al 2016, mentre gli Etf “europei” hanno segnato deflussi nel 2011 e nel 2016. Dall’inizio dell’anno, tuttavia, le buone performance dei mercati europei hanno sostenuto la raccolta (8,6 miliardi a fine maggio, con flussi positivi ogni mese), mentre il rallentamento di Wall Street ha spinto gli investitori a prendere profitto delle loro posizioni in aprile e maggio.

Di seguito, due tabelle con gli Etf esposti all’azionario europeo e americano quotati su Borsa italiana coperti dalla ricerca qualitativa di Morningstar.

Quando ci si trova davanti a una gamma di scelta così ampia, infatti, il processo di selezione diventa fondamentale. Con l'implementazione del Morningstar Analyst Rating sugli Etf, Morningstar espande il ventaglio di strumenti a disposizione degli investitori e consente loro di confrontare direttamente le soluzioni di investimento disponibili nella gestione passiva e attiva. La logica dell’Analyst Rating è quella di aiutare gli investitori a identificare i fondi in grado di battere i loro concorrenti in termini di rendimento aggiustato per il rischio nel lungo termine, di solito un ciclo di mercato completo.

Di seguito sono elencati tutti gli Etf dedicati alle azioni europee e statunitensi quotati su Borsa Italiana divisi per categorie Morningstar (cliccare sopra per visualizzarli).

Europa

Azionari Europa – Hedged 

Azionari Europa – Reddito 

Azionari Europa Emergente 

Azionari Europa Emergente ex Russia 

Azionari Europa ex UK Large Cap 

Azionari Europa Large Cap Blend 

Azionari Europa Large Cap Value 

Azionari Europa Mid Cap 

Azionari Europa Small Cap  

Stati Uniti

Azionari Usa – Altro  

Azionari Usa – Hedged  

Azionari Usa Large Cap Blend  

Azionari Usa Large Cap Growth  

Azionari Usa Mid Cap  

Azionari Usa Small Cap  

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar in Francia e Italia.