Russia, il punto debole è la politica

La Borsa di Mosca è a sconto, ma gli investitori chiedono riforme che rafforzino lo stato di diritto.  

Marco Caprotti 13/09/2012 | 11:47
Facebook Twitter LinkedIn

Se c’è una luce in fondo al tunnel della crisi europea, allora anche l’Est della regione può seguirne la traccia. Sempre che riesca a dimostrare agli investitori internazionali di essere in grado di portare avanti riforme politiche ed economiche che assicurino una maggiore trasparenza.

Il piano antispread elaborato dalla Bce (acquisto dei bond dei paesi in difficoltà) potrebbe dare una grossa mano al Vecchio continente per risolvere i suoi problemi di debito. In questo caso potrebbe tornare un po’ di appetito per il rischio e ad approfittarne potrebbero essere i mercati emergenti dell’area che, rispetto a quelli più sviluppati (e agli Stati Uniti) hanno migliori possibilità di crescita. Secondo uno studio di US Global Investors, ad esempio, Russia e Turchia quest’anno dovrebbero registrare un aumento del Pil di circa il 4%, mentre la Polonia potrebbe avere un miglioramento compreso fra il 2% e il 3%.

Nonostante queste prospettive l’indice Msci dell’Est Europa nell’ultimo mese (fino all’11 settembre e calcolato in euro) ha guadagnato solo lo 0,7% (la performance da inizio anno, tuttavia, resta un solido +16% circa). Colpa delle incertezze – soprattutto di tipo politico – che continuano a caratterizzare la regione e che sono state ben evidenziate dal caso delle Pussy Raiot, il gruppo punk antigovernativo che ha visto incarcerate tre sue componenti che avevano protestato contro il presidente Vladimir Putin dopo un processo che da molti osservatori internazionali è stato considerato una farsa. Tutto questo ha riportato d’attualità il caso di Mikhail Khodorkovsky, l’ex oligarca e numero uno del gruppo energetico russo Yukos, imprigionato dopo una sentenza che la Corte europea per i diritti dell’uomo ha definito “illegale e con motivazioni differenti da quelle espresse”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies