Benvenuti sul nuovo sito Morningstar.it! Scopri quali sono i cambiamenti e come le nuove funzionalità ti possono aiutare ad avere successo negli investimenti.

Cosa c’è nel paniere dell’Etf sintetico

I replicanti che usano swap hanno un basket collaterale, che può essere costruito in modo diverso. Con effetti sulla liquidabilità.

Valerio Baselli 04/07/2011 | 09:55

Morningstar ha più volte sottolineato l’importanza di migliorare la trasparenza e le protezioni per gli investitori nel mondo degli Exchange traded fund, specialmente per quanto riguarda gli Etf sintetici, ovvero quelli che utilizzano contratti derivati. A questo proposito, uno dei punti cardine riguarda le politiche di gestione del collaterale, cioè quel paniere di titoli che funge da garanzia per il patrimonio dell’Etf.

L’importanza del timing
Data l’esistenza di vari modi per replicare sinteticamente un benchmark, è importante che gli investitori comprendano le differenze delle diverse strutture legali e i diversi rischi associati.

“Cercando di semplificare il dibattito in corso tra i sostenitori di una o dell’altra maniera di replicare l’indice, possiamo affermare che l’affidabilità di un Etf sintetico dipenda in gran parte dalla tipologia di swap utilizzata, cioè se esso sia funded o unfunded”, afferma Hortense Bioy, analista di Morningstar. “Ricopre una particolare importanza  anche come viene gestito il collaterale e chi lo detiene”. Queste considerazioni hanno infatti degli effetti su come viene trattato il collaterale in caso di default. “Ad esempio”, prosegue Bioy, “esse potrebbero modificare le tempistiche di una potenziale liquidiazione degli asset detenuti”.

Funded vs unfunded
Nel modello con lo swap unfunded, il patrimonio degli investiori è utilizzato dall’emittente dell’Etf per acquistare titoli, i quali andranno a costituire il paniere collaterale. È quindi chiaro che in questa struttura il fondo detiene gli asset. “Questo accesso diretto agli asset significa che l’emittente è sempre in grado di liquidarli velocemente in caso di necessità, cioè nel caso di problemi con la controparte”, afferma Bioy.

Il modello con lo swap funded si presenta più complesso. In questo caso, infatti, i soldi degli investitori vengono trasferiti alla controparte emittente dello swap, la quale crea il paniere collaterale e lo affida ad un custode indipendente. “La sottigliezza sta nel fatto che i titoli vengono trattati come proprietà del fondo”, si legge nella nota firmata dall’analista Morningstar. “In teoria, questo significa che il fondo può ottenere accesso agli asset del collaterale dietro approvazione. Come risultato, nell’ipotesi di default, l’Etf ha il diritto di ottenere dal custode del collaterale il traferimento dei titoli a proprio favore, per poi operare come meglio crede”. In pratica, le tempistiche potrebbero allungarsi, anche se non è detto che avvenga per forza sempre così.

Detto questo, cercare di determinare a priori quale struttura sia più o meno sicura dell’altra è un’attività complessa e probabilmente inutile. “Lo abbiamo notato con la vicenda Lehman Brothers”, afferma Bioy, “in cui alcuni amministratori di collaterali legati a contratti swap hanno congelato gli asset provocando ritardi nella liquidazione, mentre per molti altri il processo è stato rapido ed efficiente”. 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Redattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar