Ibbotson: più bond. L’inflazione non fa paura

Aumenta il peso delle obbligazioni tradizionali e delle azioni quotate sulle Borse mondiali.

Facebook Twitter LinkedIn

Più obbligazioni tradizionali e meno inflation-linked. Come ogni trimestre, Ibbotson Associates, società del gruppo Morningstar specializzata nei servizi di asset allocation, ha rivisto i portafogli, studiati per tre tipologie di investitori con differente propensione al rischio.

Mercati in ribasso nel trimestre
Il secondo trimestre del 2010 è stato caratterizzato da perdite sui mercati azionari globali, in particolare le azioni italiane ed europee hanno segnato la peggiori performance delle Borse occidentali. La svalutazione dell’euro rispetto alle maggiori valute è proseguito, attenuando i risultati negativi degli strumenti finanziari in divisa estera detenuti dagli investitori italiani. Anche il mercato immobiliare del Vecchio continente ha registrato rendimenti negativi in linea con l’azionario. Le obbligazioni governative e corporate, invece, hanno terminato il trimestre con un risultato leggermente positivo. 

Performance di portafoglio
Il portafoglio più conservativo è andato meglio rispetto agli altri due più aggressivi. Il moderato ha sovraperformato il benchmark nel trimestre, grazie al sovrappeso dei corporate bond in euro. Nonostante la minore esposizione alle azioni italiane, i portafogli dinamico e bilanciato hanno reso meno dei propri benchmark, a causa del sovrappeso dell’equity e del settore immobiliare.

Il ribilanciamento dei portafogli, sulla base dei segnali del secondo trimestre, ha portato a una riduzione del settore immobiliare, mentre le azioni continuano ad essere sovrappesate rispetto alle obbligazioni. E nel reddito fisso è stato accresciuta la quota di bond tradizionali rispetto a quelli legati all’inflazione.

Movimenti nell’asset allocation
Nel dettaglio, per il portafoglio moderato, i principali cambiamenti riguardano la maggiore esposizone alle azioni internazionali (+1%) e la riduzione di quelle italiane (-0,8%). Per quanto riguarda il reddito fisso, l’allocazione sui bond inflation-linked e sulla liquidità è stata ridotta (-4,5% e -1,7% rispettivamente), mentre il peso dei governativi e corporate è aumentato del 6,7%.

Nel portafoglio bilanciato, il peso delle azioni domestiche e del settore immobiliare è stato ridotto (-1,4% e -3,1%), mentre c’è stato un incremento di quelle straniere (+3,7%). All’interno della porzione a reddito fisso, è stata aumentata l’esposizone ai bond tradizionali (+1,8%).

Infine, nel portafoglio dinamico, è cresciuto il peso delle azioni internazionali (+5,3%) ed è stato ridotto quello delle italiane (-2,2%), oltre al settore immobiliare (-6,6%). In crescita del 3,6% le obbligazioni tradizionali.

Portafoglio Moderato: E' un portafoglio a basso rischio che ha l’obiettivo di mantenere il valore reale del capitale. Il benchmark è 85% Barclay Capital Italy government1-3 Year bond index TR + 15% MSCI World index.

Azionario Italia

0.69%

Azionario resto del mondo

15.26%

Reits

3.70%

Obbligazioni

67.81%

Obbligazioni indic. inflazione

6.24%

Liquidità

6.30%

 


Portafoglio Equilibrato: E' un portafoglio a medio-basso rischio che ha l’obiettivo di preservare il capitale nel medio termine. Il benchmark è 60% Barclays Capital Italy government 1-3 Year bond index TR + 40% MSCI World index.

Azionario Italia

2.25%

Azionario resto del mondo

40.53%

Reits

6.37%

Obbligazioni

42.96%

Obbligazioni indic. inflazione

6.02%

Cash

1.87%

 

 

Portafoglio Dinamico: E' un portafoglio a medio-alto rischio che ha l’obiettivo di massimizzare il valore del portafoglio sopportando nel breve termine anche riduzioni del capitale. Il benchmark è 40% Barcalys Capital Italy government 1-3 Year bond index TR + 60% MSCI World index.

Azionario Italia

2.41%

Azionario Resto del mondo

60.73%

Reits

7.87%

Obbligazioni

26.57%

Obbligazioni indic. inflazione

1.88%

Liquidità

0.54%

 

 

CONFRONTO TRA LE PERFORMANCE DEI PORTAFOGLI E I RISPETTIVI BENCHMARK

  Moderato   Equilibrato   Dinamico  
  Portafoglio Benchmark Portafoglio Benchmark Portafoglio Benchmark
   
Rend. % ultimo trimestre -0.75% -0.83% -2.04% -1.40% -3.02% -1.85%
Rend. % ultimo anno 7.66% 5.89% 11.71% 12.31% 14.67% 17.61%
Rend.% ultimi 10 anni 5.17% 3.53% 4.57% 2.14% 3.64% 0.85%
Volatilità a 10 anni 3.04% 2.46% 6.45% 7.27% 9.76% 11.28%
Massima Perdita Annua -1.40% -1.42% -10.80% -13.57% -18.36% -22.58%
Rendimento max annuo 12.00% 10.30% 21.27% 21.91% 28.38% 31.82%


I rendimenti sono total return ed espressi in euro al 8 luglio 2010. La variabilità dei rendimenti del portafoglio è misurata dallo scarto quadratico medio dei rendimenti trimestrali, annualizzato. La perdita massima annua viene calcolata su tutti i rendimenti di quattro trimestri consecutivi. I rendimenti dei portafogli qui presentati sono basati su indici e pertanto senza considerare altri fattori quali tracking error, costi ed imposte. Non è possibile investire direttamente in un indice. La performance storica non è indicativa di rendimenti futuri. Fonte: Ibbotson

Note: Il Barclays Capital Italy Government 1-3 Year Bond Index è un indice a capitalizzazione che misura la performande dei titoli governativi italiani con scadenze comprese tra 1 e 3 anni. L’MSCI World è un indice che comprende le 1500 azioni mondiali a più grande capitalizzazione quotate sui mercati sviluppati (così come sono definiti da Msci). Include 23 Paesi ed esclude quelli emergenti.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore