I listini mondiali non pensano solo ai Pigs

L'Europa è fonte di instabilità per i mercati. Ma gli Usa hanno a che fare anche con la disoccupazione e l'Asia col rallentamento cinese.

Marco Caprotti 08/06/2010 | 16:15

Se la si calcola in euro, la tempesta dei mercati, scoppiata con il possibile default della Grecia e culminata con le voci di una prossima bancarotta dell’Ungheria, passando attraverso un piano di salvataggio di Unione europea e Fondo monetario internazionale da mille miliardi di euro, non sembra aver fatto molti danni. L’indice Msci World nell’ultimo mese (fino al 7 giugno e calcolato nella divisa di Eurolandia) ha comunque guadagnato lo 0,43. Il Nord America, nello stesso periodo è cresciuto dello 0,6%, l’Europa di oltre il 2% e l’Asia dell’1%. Il discorso cambia completamente se i calcoli vengono effettuati in dollari. Se si guarda con questi occhiali, il paniere globale ha perso il 5,3% con relative performance negative anche per i sotto indici regionali (Nord America -5%, Europa -3,5%, Asia -4,7%).

Il virus passa dalle banche
Forse, proprio questa seconda fotografia esprime meglio lo stato d’animo dei mercati globali, sui quali da settimane, per spiegare la situazione, si utilizzano le espressioni “effetto domino” e “rischio contagio”. Il pericolo che la crisi valichi i confini del Vecchio continente, del resto, per gli analisti è reale. “Le banche, soprattutto quelle di grandi dimensioni, hanno forti relazioni fra loro, interessi importanti fuori dai loro confini nazionali e portafogli pieni di obbligazioni dei Paesi a rischio”, spiega una nota di Morningstar. “Se la situazione in Europa dovesse peggiorare, a subirne le conseguenze sarebbero tutti i mercati mondiali”. In mezzo a questa situazione, ogni singola macro regione deve fare i conti anche con situazioni interne che non spingono a rasserenare gli animi.

Gli Usa pensano ai posti di lavoro
Gli Stati Uniti sono ancora alle prese con una forte disoccupazione. Nei giorni scorsi sono stati pubblicati i dati sui nuovi posti di lavoro. Il tasso dei senza lavoro è sceso al 9,7% a maggio (9,9% ad aprile) e sono stati creati 431mila nuovi posti. I numeri hanno comunque deluso i mercati che si aspettavano un incremento di ben altre proporzioni (550mila). Questa voce viene ritenuta così importante che altri dati (come le spese per costruzioni, aumentate del 2,7% in aprile, il rialzo più marcato dall’agosto del 2000, e l’indice Ism manifatturiero sceso ma ancora sopra il livello di 50 che indica espansione) non sono bastati a rasserenare gli animi.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies