Si avvisano gli utenti che al momento stiamo riscontrando dei problemi nella fase di registrazione ai servizi Premium e che è in corso la manutenzione ordinaria della sezione Portfolio. I due servizi torneranno operativi il prima possibile. Grazie per la pazienza.

Perché gli investitori amano i fondi tematici?

VIDEO: I fondi tematici stanno diventando sempre più popolari tra gli investitori e si sono dimostrati sorprendentemente resistenti rispetto ai massicci deflussi dai fondi azionari registrati finora quest'anno.

Johanna Englundh 05/12/2022 | 09:04
Facebook Twitter LinkedIn

 

 

Johanna Englundh: Benvenuti a Morningstar. I fondi tematici stanno diventando sempre più popolari tra gli investitori. E con me per fare un po' di luce su questi prodotti c'è Kenneth Lamont, Senior Analyst for Passive Strategies di Morningstar.

Kenneth, quest'anno i fondi azionari hanno subito massicci deflussi. Possiamo vedere la stessa tendenza per i fondi tematici?

Kenneth Lamont: I fondi azionari hanno visto molti deflussi da inizio anno, mentre i fondi tematici tengono. Hanno avuto afflussi netti nei primi tre trimestri dell'anno, il che dimostra una notevole resilienza, soprattutto considerando che la stragrande maggioranza di questi fondi ha un'esposizione ai titoli growth e molti hanno ottenuto risultati peggiori rispetto al mercato nel suo insieme.

JE: Esatto. E’ una differenza piuttosto sorprendente, soprattutto perché molte persone li considerano alla moda. Quindi, dobbiamo aspettarci deflussi in futuro?

KL: Penso che valga la pena ‘spacchettare’ la parola trendy. Penso che questa sia la parola che viene in mente a molti quando guardano a questi fondi. E in effetti, è giusto, e in alcuni casi, il trend è nel nome dei fondi perché seguono cambiamenti secolari tecnologici o sociali.

Ma in realtà, in un nostro studio recente, abbiamo guardato un po' più da vicino cosa potrebbe significare e in qualche modo l'abbiamo spiegato. Siamo rimasti sorpresi da ciò che abbiamo trovato. Guardando i numeri dei fondi tematici globali, quindi attivi e passivi, su 1, 3, 5, 10 e 15 anni, abbiamo notato una minor probabilità di essere chiusi, il che è molto sorprendente. Se a questo aggiungi il fatto, che anche quando il mercato è pesantemente in ribasso e questi fondi soffrono, gli investitori non fuggono.

Penso che ciò dimostri una sorprendente resilienza e che quindi questi fondi forse non sono così trendy come pensano alcuni investitori. La ragione di ciò, a quanto pare, è che gli investitori li considerano come un investimento di lungo termine. O almeno, alcuni investitori fanno ciò. La maggior parte dei temi sono a lungo termine, e la logica per investire in essi è la stessa ora come lo era sei mesi fa, come lo era due anni fa. Quindi, presumo che gli investitori stiano aspettando la prossima corsa al rialzo.

JE: Questa è un'osservazione molto interessante. Ma se guardiamo nel dettaglio questi diversi temi, quali sono quelli più popolari tra gli investitori e anche quelli con le migliori performance nel 2022?

KL: In Europa, l'asset più popolare sono i fondi tematici in senso ampio, che possono investire nell'intera gamma di temi come e quando lo ritengono opportuno. Questi sono spesso sostituti di posizioni core in un portafoglio. Il secondo tema più popolare, e anche questo non sorprenderà nessuno, è la transizione energetica. Inoltre, la popolarità di molti temi è collegata agli sviluppi tecnologici ed ESG. I flussi riflettono spesso ciò che sta accadendo nel mercato. Uno dei temi più specifici che ha avuto una buona raccolta è quello alimentare. Ancora una volta non c’è da sorprendersi se consideriamo la situazione alimentare globale e la guerra in Ucraina. Quindi, l'andamento di questi temi è collegato a quello che accade nell’economia mondiale.

JE: Per concludere, ci sono dei rischi nell'investire in fondi tematici?

KL: Ci sono sicuramente dei rischi. E in un recente articolo, abbiamo mostrato che a livello globale 9 fondi tematici su 10 avevano una deviazione standard a 5 anni superiore al benchmark azionario globale, che ancora una volta non dovrebbe essere una sorpresa, perché questi strumenti sono rischiosi per natura. Ma il rischio è un concetto interessante. Ad esempio, se riformuli il problema e pensi di esporti a un tema acquistando un singolo titolo, ti stai assumendo un rischio idiosincratico, ossia sul singolo titolo, molto elevato. Ma acquistando un paniere di, diciamo, 30 o 40 azioni, che seguono quel tema, in realtà stai diversificando parte di quel rischio.

Quindi, quello che è di per sé un investimento rischioso rispetto a un ampio indice azionario potrebbe effettivamente essere l'opzione meno rischiosa. Inoltre, devi tenere presente come si inserisce quell’investimento nel tuo portafoglio. Un titolo con un beta elevato, quindi un rischio maggiore, se aggiunto a un ampio portafoglio può effettivamente ridurre il rischio complessivo se è correlato in modo imperfetto con alcuni degli altri investimenti.

JE: Va bene. Grazie, Kenneth. Alla prossima volta. Sono Johanna per Morningstar.

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle newsletter Morningstar.

Clicca qui.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Johanna Englundh  è un editore per Morningstar in Svezia.