Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Quanto è a sconto il mercato?

All'interno delle azioni coperte dall’analisi di Morningstar, abbiamo calcolato la percentuale di quelle valutate con un rating di 4 e 5 stelle e l’abbiamo confrontata con quella dei titoli con 1 o 2 stelle. Ecco i numeri.

Fernando Luque 12/07/2022 | 10:16
Facebook Twitter LinkedIn

Overvalued Undervalued

In Morningstar calcoliamo il rapporto Price/Fair Value (P/FV) dei titoli più importanti del mondo e sulla base di queste stime possiamo dedurre se una determinata azione è costosa o è scambiata a buon mercato. Un altro modo per valutare la convenienza di una stock è attraverso il Morningstar rating.

Il rating azionario Morningstar ha un grande vantaggio rispetto al Price/Fair Value in quanto incorpora un livello di incertezza nelle stime. Due società possono avere un P/FV molto simile, ma ciò non si traduce necessariamente nello stesso rating Morningstar.

Pertanto, osservando il numero di azioni che ottengono 4 e 5 stelle (in verde nel grafico sottostante) e il numero di azioni con 1 o 2 stelle (in rosso) possiamo avere un’indicazione se e quanto le azioni scambiate sul mercato sia a prezzi convenienti.

A fine giugno la percentuale di titoli con 4 e 5 stelle era pari al 60%, in salita dal 50% del mese scorso. Un livello record negli ultimi anni. Quella dei titoli con 1 o 2 stelle, invece, è scesa dal 15% all'11%, un altro record.

La conclusione è che i titoli seguiti dai nostri analisti sono chiaramente diventati più convenienti a causa dei ribassi subiti dai mercati azionari nelle ultime settimane. A giugno, l'indice Morningstar Global Markets, che riflette l'andamento dei mercati azionari mondiali, ha perso il 6,4% in euro.

 

Figura 1: Distribuzione percentuale delle azioni con rating pari a 4 e 5 stelle e quelle con rating pari a 1 e 2 stelle 

 

Europa e Stati Uniti a confronto
Possiamo fare questo esercizio anche a livello regionale e cercare di rispondere a una delle domande più frequenti da parte degli investitori: quale è il mercato più attraente, quello europeo o quello statunitense?

La tabella seguente mostra che non vi è alcuna differenza significativa in termini di valutazione tra Europa e Stati Uniti.

 

Figura 2: Distribuzione percentuale del Morningstar rating in Europa e Usa.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle newsletter Morningstar.

Clicca qui

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Fernando Luque

Fernando Luque  es el Senior Financial Editor de www.morningstar.es