Investimenti, ecco come evitare le truffe più comuni

Dalla fretta di portare a termine le nostre cose, alla fiducia mal riposta nella sicurezza di Internet. I truffatori prosperano grazie anche alle nostre debolezze emotive.

Ollie Smith 12/05/2022 | 00:06
Facebook Twitter LinkedIn

Scam

Le truffe sono diventate sempre più sofisticate e ormai, purtroppo, fanno  parte della nostra vita. Per questo motivo è importante non solo riconoscere le possibili trappole, ma anche i nostri punti deboli. 

La condivisione dello schermo
Incoraggiati dalla nostra dipendenza dai software di videoconferenza, i truffatori hanno acquisito familiarità con Zoom, Skype e Teams e sono avvantaggiati dal fatto che anche le persone anziane ora sanno come usare queste piattaforme. Tuttavia, che tu sia giovane o un po' più avanti con l’età, le truffe attraverso la condivisione dello schermo ti mettono a rischio di perdite finanziarie. In genere, il trucco non inizia con Zoom ma con una telefonata di qualcuno che ti chiederà di fidarti di lui per poi invitarti su Zoom e raccogliere informazioni personali. Ricorda che una volta fatto non si torna indietro. Quindi stai molto attento. Ricorda: non è detto che solo perché si tratta di una videochiamata con Zoom vuol dire che sia sicura. 

La truffa del pacco
Conosco molto bene questa truffa perché mi è successa qualche settimana fa. La cosa che deve insospettire, in questo caso, è la pazienza del truffatore. Solitamente ricevi un messaggio relativo a un pacco non consegnato che richiede spese di spedizione extra. Questo è il mezzo usato dal truffatore per ottenere le tue coordinate bancarie e una piccola somma di denaro. Dopo una settimana ricevi una telefonata nella quale il tuo amichevole truffatore si atteggerà ad assistente del call center. Fai attenzione, perché la sua capacità di produrre informazioni finanziarie sul tuo conto potrebbe farti sentire al sicuro da truffe. 

PayPal
Le truffe con PayPal sono in circolazione ormai da anni e si servono molto spesso degli account di posta elettronica professionali. Se sei uno di quelli che ha la mania di avere “zero email non lette”, potresti essere molto vulnerabile a una truffa di questo tipo perché sfrutta proprio il tuo desiderio di tenere le cose in ordine. Per fortuna, la via d’uscita è abbastanza semplice, a patto che tu segua questi due step. Uno: non cliccare mai sui link inseriti nelle e-mail. Due: controllare l'indirizzo e-mail del mittente. Indirizzi sconosciuti o scritti in maniera errata sono un forte indizio di una possibile frode. Devi interrompere ciò che stai facendo e controllare meglio. Ricorda di segnalare sempre questo tipo di phishing al tuo team IT, poiché potrebbe essere in grado di aumentare il livello di sicurezza. 

WhatsApp
In questo caso gli utenti sono invitati a fare clic su un link inserito in una e-mail che dice di indirizzarti a un messaggio di WhatsApp non letto. I lettori più giovani sanno bene che le notifiche e-mail relative ad attività su WhatsApp non sono mai legittime, poiché l'app è un software che funziona sul telefono, ma quelli più anziani potrebbero essere tentati dal fare clic. In genere l’e-mail si presenta sotto forma di un testo scritto in modo molto convincente ed emotivo, apparentemente da una persona cara che ti avverte di una situazione difficile dalla quale può uscirne solo se gli invii del denaro. Non cascarci. Verifica prima se la persona conosciuta sia davvero in difficoltà. 

Facebook
La proliferazione di contenuti di spam su Facebook è qualcosa che ha allontanato molti utenti nel corso degli anni, ma la cosa peggiore sono le truffe che fanno il giro dell’app. Purtroppo, gli account Facebook vengono "hackerati" continuamente, quindi è molto importante diffidare dai messaggi che apparentemente provengono da qualcuno che conosci. Gli utenti più anziani sono particolarmente vulnerabili a questo tipo di truffa, specie se si sono avvicinati a Facebook solo di recente. Se sei in dubbio sulla provenienza di un messaggio, verifica prima con il presunto mittente se il suo account è stato hackerato. Inoltre, fai attenzione alle "richieste di amicizia" da parte di persone con cui sei già connesso. Potrebbe essere un truffatore che riutilizza le informazioni del profilo di qualcuno per agganciarti.

 

 

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi gli articoli della categoria Finanza Personale

Clicca qui

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Ollie Smith  è editor di Morningstar UK