Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Borse, a Milano è riuscito il rimbalzo

Piazza Affari ha chiuso in territorio positivo. Moncler è stata spinta dalla trimestrale. Bene Enel e Prysmian. Unicredit e Intesa recuperano un po’ di strada dopo il crollo di ieri. 

Marco Caprotti 25/02/2022 | 14:38
Facebook Twitter LinkedIn

Ucraina

Versione aggiornata con le chiusure di Borsa e lo spread Btp-Bund. 

Partito all’insegna dell’incertezza dopo lo scivolone di ieri causato dall’invasione russa in Ucraina, l’indice Ftse Mib si è messo in scia agli altri listini europei per portarsi in territorio positivo. A fine seduta ha chiuso a +3,6%.

Il mercato sembra essersi concentrato su alcune buone notizie. Moncler è salita di quasi il 5%. Il gruppo dei piumini ieri, a Borsa chiusa, ha comunicato i risultati finanziari preliminari relativi al 2021, esercizio archiviato con ricavi per 2,05 miliardi di euro, in aumento del 42% rispetto agli 1,44 miliardi realizzati l’anno precedente.

In progresso anche Inwit. La società specializzata nella banda ultra-larga ha comunicato i risultati finanziari del 2021, esercizio chiuso con ricavi per 785,15 milioni di euro (in aumento del 18,4%) e un margine operativo lordo di 714,88 milioni di euro.

Segno positivo (+4%) per Leonardo, sulla scia delle tensioni geopolitiche che potrebbero favorire i titoli legati al comparto difesa e dopo la firma del contratto per la costruzione del drone militare europeo Euromale. Bene anche STMicroelectronics (+4,4%) spinta anche dagli acquisti effettuati ieri sul Nasdaq.

Bene Enel (+5,77%) e Prysmian (+5,49%),

In ripresa Pirelli che, dopo il capitombolo di ieri, ha guadagnato il 2,5%. 

Banche ed energy 
Nel comparto bancario, Unicredit ha guadagna il 3,8%, mentre Intesa ha segnato +2,7%. A inizio giornata i due istituti sembravano indecisi sulla direzione da prendere. 

In altalena gli energetici, dopo che il Brent è sceso a 97 dollari al Barile. Ieri aveva superato i 100 dollari. Eni ha guadagnato il 3,1%. Saipem ha perso lo 0,7%.  

Lo spread tra Btp e Bund è risalito sopra i 162 punti base. 

 

 

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.