Stiamo facendo lavori di ordinaria manutenzione del sito, per cui potrebbero esserci momentanei e intermittenti interruzioni nel funzionamento. Ci scusiamo per il disguido e ti ringraziamo per la pazienza.

Ci sono ancora opportunità fra le azioni europee

La regione, dopo il rally del secondo trimestre, è diventata cara. Ma, dicono gli analisti di Morningstar, gli investitori che cercano bene possono trovare del valore.  

Marco Caprotti 13/07/2021 | 11:23
Facebook Twitter LinkedIn

Europa

 

Sono tempi difficili per chi cerca opportunità di investimento nell’azionario europeo. Anche se, dicono gli analisti di Morningstar, scavando a fondo all’interno dei settori che formano l’equity della regione è possibile trovare ancora delle sacche con qualche buy opportunity

La riapertura dei commerci e la ridotta preoccupazione per futuri potenziali lockdown hanno alimentato il rally del mercato. L’indice Morningstar Europe è salito di quasi il 7% (in euro) nel secondo trimestre e di oltre il 30% in 12 mesi. Da inizio anno ha registrato +17,4%. 

Tutti risultati in linea con quelli del paniere Global Markets, anche se i due basket hanno iniziato il 2021 da posizioni diverse. L’indice Europe ha chiuso il 2020 a -2,8%, mentre quello mondiale ha registrato +6,5%.

 

Indici Morningstar Europe e Global markets a confronto
Indici Europa a Global a confronto
Dati in euro aggiornati al 12 luglio 2021
Fonte: Morningstar Direct

 

Qualcosa è cambiato
A differenza dei rally precedenti, tuttavia, nell'ultimo trimestre gli investitori si sono concentrati in particolare sui settori il cui andamento dipende dalla domanda di quei consumatore finali, che essendo rimasti bloccati in casa per oltre un anno, ora hanno in tasca liquidità in eccesso. Il segmento dei consumer cyclical, ad esempio, è stato quello con la più rapida crescita nel trimestre. 

“Gli stock picker hanno un compito poco invidiabile nel trimestre che è appena iniziato”, dice Michael Field, Senior equity analyst di Morningstar. “Quasi la metà dei titoli della regione EMEA che copriamo con la nostra ricerca sono valutati in modo equo rispetto alle stime di fair value, mentre un altro 30% è sopravvalutato (dati al 9 luglio). Nel contesto globale, tuttavia, l'area EMEA sembra avere più opportunità rispetto ad altre zone, considerando il 24% dei titoli ha un Morningstar stock rating di  4 o 5 stelle. In pratica si tratta del doppio se confrontato con l’equity Usa che seguiamo”.  

 

I rating per settore
Rating settori Europa

 

Dove sono le opportunità?
Le opportunità di investimento, tuttavia, non sono distribuite uniformemente: solo quattro dei 10 settori economici sono considerati sottovalutati. Le utility sono state aggiunte ai segmenti meno favoriti, poiché l’inflazione è salita in tutta la zona euro a livelli che non si vedevano dal 2018 alimentando i timori sui futuri aumenti dei tassi di interesse. “I vantaggi competitivi (Economic moat) sono scarsi nel settore delle utility, mentre sono relativamente abbondanti nei servizi di comunicazione e nei finanziari, due aree in cui attualmente vediamo interessanti opportunità”, dice l’analista. “In entrambi i comparti, oltre il 40% dei titoli che copriamo ha un rating di 4 o 5 stelle, il che indica un potenziale di rialzo significativo”. 

I settori industrial e quello dei materiali di base si sono mossi nella direzione opposta, con guadagni rispettivamente del 6,5% e del 5,4% nell'ultimo trimestre, portando la performance nei 12 mesi a +45% per entrambi. “Riteniamo che meno di un quarto delle azioni nel segmento industrial sia sottovalutato, mentre nei materiali di base non abbiamo titoli a 4 o 5 stelle”, dice l’analista.

 

I settori azionari europei secondo diverse metriche di valutazione
Categoria Europa

 

Secondo l’analista in un quadro del genere la selezione dei titoli, già importante prima, diventa ora fondamentale. “Gli investitori si chiedono se molti dei titoli che sono rimasti indietro durante il rally del mercato possano mostrare resilienza o la capacità di farsi notare in questa situazione”, conclude l’analista. “In quasi tutti i settori, tuttavia, vediamo ancora opportunità per la generazione di alfa”.

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi le altre analisi dedicate all'Europa

Clicca qui

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.