Parità di genere nei Cda: fenomeno in crescita?

GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DONNA. I dati indicano un aumento nella presenza delle donne nei consigli di amministrazione delle aziende. Soprattutto nelle Large cap. L’Europa fa da capofila, ma i numeri non dicono tutta la verità.  

Francesco Lavecchia 03/03/2020 | 09:43

Quanto sono importanti le donne in azienda? I numeri dimostrano un’interessante relazione tra il grado di inclusione femminile e i risultati economici delle imprese. Da un rapporto di McKinsey (Diversity Matters), condotto su un campione di 366 società quotate in Usa, Canada, America latina e Regno Unito, risulta che le aziende nel primo 25% per diversità di genere hanno il 15% in più di probabilità di realizzare risultati economici superiori alla media del settore.

Quali sono le ragioni che spiegano i risultati migliori? Le ricerche fatte dimostrano l’esistenza di una correlazione positiva tra il grado di diversità all’interno di una comunità (e dunque anche di un’azienda): la capacità di attrarre i talenti migliori, un minor turnover dei dipendenti, il livello di soddisfazione del personale e un migliore processo decisionale. In particolare, si è dimostrato come i gruppi in cui c’è una maggioranza femminile abbiano una più alta intelligenza collettiva e dunque riescano a generare idee migliori e a prendere le decisioni più opportune. Tutti elementi, questi, che insieme creano per l’azienda un vantaggio competitivo rispetto ai concorrenti.

La mappa della diversità di genere in azienda
La presenza femminile all’interno dei consigli di amministrazione è in generale ancora molto bassa, ma i dati dicono che negli ultimi anni la tendenza stia cambiando. Secondo Deloitte nei Cda delle prime 100 società della lista Fortune, il 25% dei consiglieri è donna. I numeri pubblicati da Equilar indicano che il 35,9% dei nuovi posti assegnati nei board delle società americane nel 2018 è stato appannaggio del sesso femminile e i dati di Morningstar riferiti alle società dell’indice Russell 3000 confermano un’accelerazione del fenomeno a partire dal 2010 (Figura 1).

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Vai alla sezione Morningstar.it dedicata agli investimenti sostenibili

Clicca qui.

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar