Perché scegliere i “cavalli vincenti” negli investimenti

L’evidenza empirica dimostra che quando si investe è più importante selezionare i titoli vincenti del mercato rispetto a evitare i perdenti.

Cherry Reynard 18/07/2019 | 09:42

Intuitivamente, la teoria suggerisce che per ogni investimento sia bene proteggersi dal rischio di perdita. Se un titolo perde il 50%, dovrà in seguito risalire del 100% per recuperare il proprio valore iniziale. Eppure, l’enfasi sull’importanza di proteggere la caduta potenziale potrebbe essere sopravvalutata.

Hendrik Bessembinder, professore presso la W. P. Carey School of Business dell’Arizona State University, ha recentemente pubblicato una ricerca che mostra come i rendimenti del mercato azionario siano concentrati in poche aziende ad alta crescita. Se non le si hanno in portafoglio, è un po’ come lasciare i soldi in banca.

Alla base dello studio di Bessembinder c'è il fatto che i maggiori guadagni provengono da pochissimi titoli nel complesso. In effetti, solo 86 titoli sono responsabili di ben 16 mila miliardi di dollari di ricchezza (la metà del totale del mercato azionario) creata negli ultimi 90 anni. E la creazione di ricchezza totale può essere attribuita ai 1.000 titoli con le migliori performance nel periodo.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Cherry Reynard  is a financial journalist writing for Morningstar.co.uk.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar