I rialzi dei tassi non sono più una priorità

Le grandi economie globali non corrono come sperato nel 2018 e gli istituti di politica monetaria sono costretti a prendere tempo prima di muoversi. Fed compresa.

Marco Caprotti 18/02/2019 | 09:39

L’osservata speciale è la Federal Reserve. L’istituto centrale americano fino alla fine dell’anno scorso, secondo gli operatori che avevano interpretato i vari bollettini del Fomc (il braccio direttivo dell’istituto), veniva data in procinto di fare altri rialzi dei tassi di interesse nel corso del 2019: almeno tre in 12 mesi. Poi, nelle prime riunioni di quest’anno del comitato esecutivo, i toni si sono fatti meno aggressivi. Tanto che, ormai, sono pochi quelli che sono pronti a scommettere su una stretta a breve. “Noi abbiamo già aggiornato le nostre previsioni sui rialzi dei tassi”, spiega Eric Compton, analista di Morningstar. “Il nostro outlook parla di nessun rialzo nel 2019 e una stretta nel 2020”. Il cambio di linea della Banca centrale Usa è stato spiegato dal presidente della Fed, Jerome Powell, parlando di una serie di rischi e ragioni per tenere un atteggiamento prudente. Fra questi ci sono il rallentamento della crecita globale, eventi geopolitici come Brexit e le tensioni nelle relazioni commerciali fra Stati Uniti e Cina.

Stati Uniti
Preoccupazioni condivise dagli investitori internazionali che, oggi, sono un po’ meno ottimisti sulla situazione americana rispetto a qualche tempo fa. “Ci aspettiamo da parte delle banche una contrazione delle condizioni di credito alle famiglie e alle piccole e medie imprese che, secondo noi, sarà la causa del rallentamento economico negli Stati Uniti per questo e per il prossimo anno”, spiega Alessandro Tentori, responsabile degli investimenti di AXA Investment Managers Italia. “Di conseguenza abbiamo rivisto le nostre prospettive di crescita del Pil Usa leggermente al ribasso al 2,2% per il 2019 (dal 2,3%). Si tratta di un dato inferiore anche al consensus del 2,5% ma comunque superiore, secondo noi, al tasso di crescita potenziale negli Stati Uniti”.

Europa
I numeri, intanto, parlano di rallentamento anche nel Vecchio continente dove la Commissione europea ha pubblicato le sue previsioni di crescita rivedendole in forte ribasso, specie per il 2019. Bruxelles indica, infatti, una crescita del Pil nel 2019 dell’1,3% per l'Eurozona e dell'1,5% per l’Unione europea, rispetto all’1,9% e al 2,0% precedenti. Le revisioni più drastiche si riferiscono all’Italia (+0,2% contro +1,2%. E’ già entrata tecnicamente in recessione) e alla Germania (+1,1% contro +1,8%). La Francia potrebbe limitare i danni (+1,3% contro +1,6%).

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar