Dove si nasconde la cedola a Piazza Affari

Le utility si confermano al top grazie a una politica di dividendo disciplinata e lo yield medio più elevato. Le sorprese in positivo sono rappresentate dai settori consumer defensive e finanza. Intesa Sanpaolo, Mediobanca e Assicurazioni Generali offrono il miglior total return. 

Francesco Lavecchia 22/11/2018 | 09:46
Facebook Twitter LinkedIn

Utility e non solo. Il comparto delle aziende che forniscono servizi di pubblica utilità presenta il maggior numero di società con una politica di dividendo disciplinata e yield più elevati, ma non è l’unico settore a premiare gli azionisti con un rendimento extra. 

I titoli con la politica di dividendo più disciplinata
Prendendo in esame l’intero universo delle stock quotate sui listini milanesi abbiamo guardato, settore per settore, alle aziende che negli ultimi cinque anni hanno staccato la cedola in maniera continuativa, in modo da individuare quelle con una disciplinata politica di dividendo. Dalla nostra analisi si nota come nel comparto utility ben 12 aziende su 26 (46%) abbiano mantenuto gli impegni presi con i propri azionisti. Tuttavia ci sono anche altri settori a cui poter guardare se si vuole aggiungere una componente Italia alla propria strategia income.

Il settore beni di consumo difensivi, con il 37%, ha la seconda percentuale più alta di aziende che negli ultimi cinque anni hanno sempre distribuito dividendo. Tra queste, il 66% ha aumentato la cedola durante il periodo preso in considerazione e a volte, come nel caso di La Doria (da 0,12 euro a 0,23 euro) quasi raddoppiandola. Nonostante le grosse difficoltà degli ultimi anni, anche i finanziari hanno un’alta percentuale di aziende virtuose, ben il 30%. Di queste quasi il 90% è riuscita ad aumentare la cedola negli anni. Le più disciplinate sono state Banco Desio, che ha registrato una crescita del 360% (da 0,02 euro a 0,10 euro), Intesa Sanpaolo (+300%, da 0,05 euro a 0,20) e Mediobanca (+260%, da 0,15 euro a 0,47 euro). Attorno al 20% ci sono i tecnologici e gli industriali.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies