Il Moat tutela l’azionista e la sua cedola

Un’analisi di Morningstar dimostra come puntare su aziende con elevato vantaggio competitivo riduce la probabilità di incappare in un profit warning o in un forte taglio del dividendo.

Francesco Lavecchia 26/06/2018 | 15:27
Facebook Twitter LinkedIn

La cedola è più al sicuro se c’è il Moat. Investire in aziende con un elevato vantaggio competitivo non dà garanzie sulla possibilità di avere un dividendo sicuro, ma un’analisi condotta dagli analisti di Morningstar dimostra come le società di questo tipo siano meno esposte al rischio di profit warning o di una revisione della politica di distribuzione degli utili. Il vantaggio di questa strategia, in questo caso, è doppio: da una parte si tutela la componente fissa del rendimento della stock e dall’altra si evita di essere danneggiati da possibili scivoloni delle quotazioni del titolo in seguito a possibili tagli della cedola.

Chi taglia la cedola
Osservando il campione delle azioni quotate sui listini americani che sono coperte dall’analisi Morningstar e che staccano dividendo si nota l’esistenza di una forte correlazione tra il Moat dell’azienda e la sua capacità di mantenere o aumentare la cedola. Analizzando i dati dello scorso anno si nota come solo nell’8,8% dei casi le società con un ampio vantaggio competitivo abbiano tagliato il dividendo. La percentuale si mantiene sotto il 18% nel caso di aziende con Moat medio. Mentre la quota sale al 30% nel caso di società con Moat assente.

I numeri si riducono ulteriormente quando si estende l’orizzonte temporale agli ultimi tre anni: in questo caso solo il 6,3% dei titoli con Moat elevato e il 12,9% di quelli con Moat medio hanno ridotto la quota di utili distribuiti agli azionisti. Mentre la percentuale relativa alle imprese senza vantaggio competitivo si mantiene stabile attorno al 30%.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies