Bond, sì all’emergente ma in valuta locale

I rendimenti dei debiti delle aree in via di sviluppo non sono più quelli di una volta, ma continuano essere più interessanti rispetto a quelli delle aree developed. La carta denominata nella divisa del paese emittente resta l’opzione migliore. 

Marco Caprotti 07/03/2018 | 15:10

L’appetito per il debito emergente rischia di trasformarsi in un mal di pancia? I dati sui flussi di gennaio dei fondi a livello europeo hanno mostrato che gli investitori sono in modalità risk on con una certa preferenza per i mercati emergenti. Compresi quelli del reddito fisso.

Sul debito delle aree in via di sviluppo, tuttavia, gli analisti di Morningstar consigliano di muoversi con selettività. “Gli spread nei mercati emergenti sono scesi costantemente nel corso del 2017. Segno che gli investitori sono disposti ad accettare rendimenti più bassi pur di investire in questo tipo di asset”, spiega Dan Kemp, Chief investment officer Emea di Morningstar Investment Management (MIM). Tutto questo soprende se si considera che l’elezione di Trump, secondo l’opinione comune, avrebbe dovuto far aumentare i differenziali a causa dell’incertezza riguardo agli effetti che avrebbero avuto le sue politiche protezionistiche sulle economie in via di sviluppo. “In questo senso, l’investimento non è più attraente come una volta, anche se continua a offrire rendimenti interessanti rispetto ai rischi”, dice Kemp. “Soprattutto se messi a confronto con quelli dei titoli dei paesi sviluppati”.

Le occasioni di investimento sui mercati emergenti sono diverse. “Noi vediamo le migliori opportunità nel debito dei paesi in via di sviluppo in valuta locale”, spiega il Cio di MIM. “Tuttavia la selezione dei paesi e della divisa resta un elemento cruciale. La carta in hard currency ha valutazioni ragionevoli, ma i rendimenti sono meno interessanti rispetto a quelli che ha offerto in passato”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Neuberger Berman EM DbtHrdCcy USD A C13,52 USD-1,10
Pictet-Emerging Local Ccy Dbt R USD148,77 USD-0,60

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies