Il petrolio dopo l’Opec

La decisione del Cartello di prorogare il taglio alla produzione fino a dicembre 2018 non sarà sufficiente a mantenere i prezzi sui livelli attuali. Il ritorno alla normalità dell’estrazione di shale oil farà bene alle aziende che si occupano di trasporto e stoccaggio. 

Marco Caprotti 12/12/2017 | 14:58
Facebook Twitter LinkedIn

Nessuna speranza per il prezzo del petrolio; qualche opportunità per gli investitori. E’ questo il quadro che, secondo gli analisti di Morningstar, emerge per il settore oil dopo che, nell’ultima riunione di Vienna dell’Opec, il cartello dei produttori ha deciso di portare il taglio di 1,8 milioni di barili di materiale estratto al giorno fino a fine 2018 (il piano precedente prevedeva di terminare il cut a marzo dell’anno prossimo). La scelta deriva dalla volontà di continuare a tenere i prezzi intorno ai 60 dollari al barile (sia per il Brent che per il WTI), dopo i cali che si sono registrati negli anni scorsi a causa anche dell’ingresso sul mercato dello shale oil americano. Le decisioni dell’Opec, tuttavia, non sono state l’unica variabile che ha influito sulla ripresa dei corsi del barile. Nel conto va messa una stagnazione nell’estrazione del petrolio di scisto causata anche dall’uragano Harvey che ha messo temporaneamente fuori uso alcuni siti estrattivi negli Stati Uniti.

La vittoria dell’Opec, quindi, potrebbe rivelarsi un fuoco di paglia. “Ci sono diversi elementi che il mercato e il cartello sembrano non tenere in considerazione”, spiega Jeffrey Stafford, direttore della ricerca su energy e utility di Morningstar. “Il primo è che l’estrazione di shale oil a breve ritornerà ai livelli precedenti all’uragano. Il secondo è che non tutti i paesi dell’Opec hanno l’obbligo di rispettare i tagli alla produzione. Il terzo è che le decisioni sulla diminuzione di estrazioni non è stata presa all’unanimità dagli stati che compongono l’Organizzazione”. In una situazione del genere, secondo le previsioni di Morningstar, il prezzo del barile di entrambe le qualità dovrebbe scendere di circa il 15% rispetto ai valori attuali entro la fine dell’anno prossimo.

L’andamento dei prezzi del petrolio secondo Morningstar
pet

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies