Fondi passivi sostenibili, gli investitori snobbano gli Etf

Tra i prodotti indicizzati che seguono i criteri ESG, la raccolta semestrale ha premiato nettamente i fondi non quotati. Praticamente nulli i flussi sui replicanti socialmente responsabili.

Valerio Baselli 24/07/2017 | 11:14

Gli investitori “sostenibili” preferiscono i fondi passivi tradizionali a quelli quotati in Borsa, almeno stando ai numeri di raccolta. Secondo i dati Morningstar, infatti, gli Exchange Traded Fund classificati come “socialmente responsabili” (35 fondi disponibili in Europa) hanno raccolto durante il primo semestre dell’anno 370,5 milioni di euro, sui 57,4 miliardi di raccolta netta totale segnata in Europa nello stesso periodo. In pratica, un misero 0,65% dei flussi.

Sorprendentemente, è la componente obbligazionaria quella che ha attirato più capitali. I sei replicanti a reddito fisso hanno infatti incassato in totale 300 milioni, contro i 70 milioni dei restanti 29 Etf azionari.

A pesare non poco su questo risultato ci sono gli oltre 500 milioni di euro di riscatti netti segnati nel semestre dal BNP Paribas Easy MSCI Europe Ex Controversial Weapons UCITS ETF,il più importante Etf europeo in termini di patrimonio tra quelli che seguono criteri ESG. Il fondo si espone al mercato azionario europeo, escludendo le società coinvolte in attività connesse alla produzione e al commercio di armi controverse. Questo approccio è anche in linea con le raccomandazioni della AFG (Association Française de la Gestion financière) dell’aprile 2013 sul divieto di finanziamento delle sulle munizioni a grappolo e delle mine antiuomo, con l'obiettivo di applicazione da parte società di gestione di una politica di esclusione di tali armi.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar in Francia e Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar