Opportunità a quattroruote

Il futuro del settore auto dipenderà principalmente dalla situazione della congiuntura. Gli investitori hanno qualche dubbio sulle valutazioni dei titoli. Ma il quadro oggi, dicono gli analisti di Morningstar, non è più quello del 2008. 

Marco Caprotti 06/06/2017 | 12:31
Facebook Twitter LinkedIn

Tutti parlano di Tesla. Ma, dicono gli analisti di Morningstar, nel comparto auto c’è molto di più. Certo il titolo del gruppo americano specializzato in modelli a propulsione elettrica da inizio anno ha guadagnato il 48%, anche grazie ai 25mila veicoli venduti nel primo trimestre (un record per la società). “Le azioni dell’azienda di Elon Musk sembrano quelle che tutti vogliono”, spiega David Whiston. “Ma non è l’unica storia nel comparto dell’auto che vale la pena di seguire”.

Dal 2009, quando le vendite di auto in America hanno toccato il minimo storico di 10 milioni di pezzi, l’indice S&P500 Automobiles è salito del 77% (in dollari). Nel 2016, secondo l’ultimo Automotive Observer Report di Morningstar, le vendite hanno toccato il record di 17,5 milioni di veicoli. Ora però ci sono segnali di rallentamento. Ad aprile è stato registrato un calo del 4,7% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. Secondo le previsioni di Morningstar, nel 2017 ci sarà un rallentamento del 2,5%. I titoli di colossi come GM e Ford da inizio anno sono scesi, rispettivamente del 3,7% e del 13%. Dove sono allora le occasioni in Borsa quando si parla di auto? “La risposta dipende da quale si pensa che sia il futuro del settore e, più in generale, dell’economia”, dice l’analista. “Il 2008 ha fatto vedere che, quando la congiuntura frena, rallentano anche le vendite di auto”.

Arriva la frenata?
Uno dei motivi che spiegano il calo dei titoli dell’auto è che gli investitori stanno anticipando il setback. In generale gli operatori pensano però che questa situazione farà bene al comparto. “Il mercato ama odiare le azioni dell’auto”, spiega Whiston. “E’ un settore fortemente ciclico dove le spese sono molto alte e c’è un sentimento negativo riguardo a una possibile recessione. Gli investitori non credono che in questa situazione le azioni debbano avere i valori che stiamo vedendo in questi giorni”. Una parte del problema è che gli operatori non pensano che le aziende dell’auto siano molto migliorate rispetto al 2008. “Molti sono convinti che, nel caso di una frenata dell’economia, alcune società potrebbero trovarsi di nuovo sul baratro”, dice l’analista.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Ford Motor Co13,23 USD3,60Rating
General Motors Co50,78 USD2,86Rating
Tesla Inc751,94 USD1,70Rating

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies