Meglio non farsi sedurre dalla nicchia

I fondi dedicati a specifici temi di mercato spesso costano troppo, hanno vita breve e rischiano di mettere in confusione l’intero portafoglio. In alcuni casi, però, possono aiutare la diversificazione. 

Marco Caprotti 26/05/2017 | 09:22
Facebook Twitter LinkedIn

Chi se li ricorda i Bric? E i fondi dedicati a questa asset class? Magari sono nella memoria e nei portafogli di quegli stessi investitori che, in questi mesi, si stanno facendo sedurre dagli strumenti di investimento dedicati alla robotica o a uno dei tanti settori di nicchia che ogni anno le società di gestione cercano di coprire con nuovi prodotti. “Il fenomeno riguarda soprattutto gli asset manager attivi che sentono sempre di più la pressione degli specialisti della gestione passiva e hanno bisogno di nuove idee per attrarre i clienti”, spiega Russel Kinnel, direttore della manager reasearch di Morningstar. “Nella maggior parte dei casi si tratta di strumenti eccitanti e divertenti da acquistare sul momento ma che, nel medio e lungo periodo, possono mandare in confusione l’intero portafoglio se solo glielo si permette”.

Occhio ai costi e...
Il problema non è solo la rapidità con cui certe mode sul mercato passano lasciando i titoli e chi ha investito a languire. “Molti fondi di nicchia hanno costi più alti di quelli diversificati, dice Kinnel. “Spesso sono seguiti da manager che, all’interno della stessa casa di gestione, si occupano di altri prodotti e raramente possono contare sul supporto di team di analisti specializzati come invece accade per prodotti più popolari”.

Dal punto di vista delle case di gestione il lancio di un fondo di nicchia non sembra rappresentare un grande problema. “In base ai nostri dati si tratta di strumenti che, mediamente, hanno una vita di sette anni”, dice Kinnel. “Se lo strumento non diventa una hit nelle preferenze degli investitori viene venduto oppure viene fuso con un altro portafoglio oppure ancora vengono restituiti i soldi agli investitori”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies