La pensione è il mio risparmio

Gli studi realizzati da Morningstar su periodi molto estesi di tempo dimostrano che i contributi versati sono lo strumento più potente per non vivere in povertà in età avanzata. Ecco perché.

Sara Silano 26/05/2017 | 09:15
Facebook Twitter LinkedIn

Quanto devo risparmiare per avere una pensione adeguata? Per rispondere a questa domanda esistono oggi molti simulatori, che generalmente prendono in considerazione l’età, il reddito annuo, l’anzianità lavorativa e il genere. Talvolta vengono fatte anche delle stime sui rendimenti futuri, che si basano su quelli passati. Secondo gli analisti di Morningstar, tuttavia, questi modelli hanno il difetto di non tenere in considerazione che ci troviamo in un contesto di prolungati bassi rendimenti, per cui i nostri sforzi potrebbero non essere sufficienti per far fronte ai bisogni futuri.

Un mondo di bassi rendimenti
Ritorni sugli investimenti maggiori, richiedono un più basso tasso di risparmio a parità di condizioni, per raggiungere lo stesso obiettivo e viceversa. Nel mio calcolo, inoltre, devo considerare i miei rendimenti reali, cioè depurati dall’inflazione che toglie potere di acquisto, e il fatto che probabilmente vivrò più a lungo, soprattutto se sono una persona benestante e una donna. Uno studio svolto negli Stati Uniti mostra che il costo di un dollaro di reddito reale per un pensionato che si ritira dal mondo lavorativo oggi è del 50% più alto del 2000, a causa del calo dei tassi di interesse reali dei titoli di stato e dell’aumento della longevità.

Il modello elaborato da David Blanchett, responsabile della ricerca previdenziale in Morningstar investment management, Michael Finke e Wade D. Pfau dell’American College of Financial services, mostra che per un americano che inizia a risparmiare per la pensione a 25 anni e ha un reddito di 25 mila dollari annui, il tasso di risparmio in tempi normali sarebbe del 4,3%, ma nel contesto attuale sale al 7% (+63%). La differenza cresce con l’aumentare delle proprie entrate ed è ancora più drammatica se si comincia a mettere da parte qualcosa dopo i 35 anni. (Per leggere l’articolo completo, clicca qui).

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies