Indici europei a confronto sulla sostenibilità

Il Morningstar Sustainable Index sottopesa Regno Unito e Russia, danneggiati dalle controversie aziendali, mentre è più esposto a Francia, Svizzera e paesi nordici, nelle prime posizioni in base ai parametri ESG. La ripartizione settoriale premia i consumer defensive e penalizza finanza e salute.  

Francesco Lavecchia 25/05/2017 | 12:35
Facebook Twitter LinkedIn

Investi in Europa e sei sensibile alle tematiche ESG? Se questo è il tuo profilo allora faresti bene ad alleggerire il peso dei titoli britannici e russi e a limitare l’esposizione ai settori di finanza e salute. Questo è quanto emerge dal confronto tra l’indice Morningstar Europe e il suo omologo creato in base a criteri di sostenibilità, il Morningstar Europe Sustainable Index.

Quest’ultimo, come tutti i cloni appartenenti allo stesso filone, deriva da un processo di scrematura che parte dall’universo rappresentato dalle constituent del macro indice della regione, passa per il ranking delle singole stock in base al rating ESG di Sustainalytics (leggi la metodologia per saperne di più), e si conclude con la selezione dei titoli best-in-class (il primo 50% delle azioni in base alla graduatoria di sostenibilità) e il conseguente ribilanciamento settoriale e regionale, in modo da evitare che vi siano eccessive differenze che possano falsare il confronto (leggi la metodologia Morningstar sugli indici di sostenibilità).

Ripartizione geografica
Guardando alla ripartizione geografica del portafoglio non stupisce che il Sustainable Index sottopesi fortemente il Regno Unito (-10,63%). Nell’ultimo periodo diverse società britanniche come HSBC e Shell sono state infatti coinvolte in scandali fiscali e ambientali che hanno pesato sul “Controversy Score” della regione (guarda il Morningstar Sustainability Atlas di aprile).

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
HSBC Holdings PLC448,80 GBX1,14Rating
Royal Dutch Shell PLC B1.362,80 GBX2,84Rating

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies