VIDEO: ESG, la governance innanzitutto

Secondo Sébastien Thévoux-Chabuel (Comgest), il modo in cui una società è gestita determina i rischi d’investimento e la capacità di durare nel corso del tempo. Gli investitori “responsabili” sono sempre più esigenti.

Valerio Baselli 19/01/2017 | 10:28
Facebook Twitter LinkedIn

Valerio Baselli: Buongiorno e benvenuti su Morningstar. L’investimento socialmente responsabile è una tematica che sta guadagnando sempre più interesse tra gli investitori. Ne parliamo oggi con Sébastien Thévoux-Chabuel analista e gestore focalizzato sulla strategia ESG per Comgest.

Boungiorno Sébastien e grazie di essere qui.

Sébastien Thévoux-Chabuel: Buongiorno.

Baselli: Tra i tre criteri ESG (ambientali, sociali e di governance), quali sono quelli che hanno maggiore impatto sulla performance di un fondo?

Thévoux-Chabuel: È difficile rispondere a questa domanda, in quanto molto dipende dal settore, dal paese e dalla storia dell’azienda. La premessa per sapere quali sono i criteri ESG più pertinenti è conoscere bene l’azienda. Tuttavia, se dovessi rispondere in maniera generale e per ordine d’importanza, direi in primo luogo la governance, perché indica i rischi a livello della struttura dei poteri, dei contro poteri, e la capacità dell’azienda a determinare delle priorità e a mantenerle nel tempo. Alla fine, la governance permette di entrare nella testa dell’azienda.

Per quanto riguarda i fattori sociali, essi rivelano il comportamento dell’azienda verso i propri stakeholders, e la sua capacità di creare goodwill o badwill. Se la società ha cuore, si dimostra pronta a condividere una parte del valore creato.

I fattori ambientali, anche se molto dipende dal settore, misurano l’impatto dell’attività dell’azienda, se le sue “impronte” (ambientali, Ndr) sono positive o negative, e qual è la taglia dei suoi piedi.

Baselli: Un certo numero di persone ha ancora dubbi circa la reale redditività degli investimenti sostenibili. L’approccio extra-finanziario aiuta veramente a ridurre il rischio di un investimento?

Thévoux-Chabuel: Capisco lo scetticismo, ma ricordo che la ricerca accademica è ancora molto divisa sul tema, la metà degli studi dimostra una sovraperformance potenziale e l’altra metà una sottoperformance potenziale legata all’approccio ESG. Credo che la differenza stia su due livelli: innanzitutto, l’integrazione ESG si fa in maniera naturale, sincera e armoniosa all’interno dei team di analisi finanziaria e extra-finanziaria? E poi, l’analisi ESG arricchisce e affina il processo d’investimento, o no?

Tipicamente, per un investitore a lungo termine e quality growth come Comgest, l’analisi ESG è una parte essenziale della nostra gamma di strumenti per identificare le anomalie di mercato.

Baselli: Secondo i dati Morningstar, c'è un grande divario tra il livello di interesse verso gli investimenti sostenibili e la disponibilità di prodotti in Europa. Questo cambierà secondo lei nel futuro prossimo? E in quale direzione potrebbe evolversi il mercato?

Thévoux-Chabuel: In Comgest in effetti constatiamo una crescita constante dell’interesse verso questo approccio tra i nostri clienti a livello globale. Allo stesso tempo le loro richieste evolvono e diventano sempre più esigenti, cercando assolutamente la performance finanziaria ed extra-finanziaria, senza compromessi. Da questo punto di vista, l’offerta forse non è sempre stata all’altezza delle aspettative.

Ad esempio, molti dei nostri clienti potrebbero chiedersi perché nei portafogli ESG di alcune società di gestione si trovano titoli come Exxon Mobil o Total. Detto questo, credo che i gestori debbano a un certo punto saper dimostrare, attraverso parametri obiettivi e chiari, qual è la performance extra-finanziaria dei loro fondi. Da questo punto di vista, l’impronta di carbonio (carbon footprint, Ndr) del portafoglio può effettivamente essere utile a dimostrare la performance extra-finanziaria, così come la creazione netta di posti di lavoro. Soprattutto, se queste performance sono confrontate con un indice o a dei fondi della stessa categoria Morningstar.

Baselli: Grazie mille Sébastien.

Thévoux-Chabuel: Grazie.

Baselli: Per Morningstar, Valerio Baselli, grazie per l’attenzione.

Leggi la Guida Morningstar agli investimenti sostenibili.

Visita il mini-sito dedicato al Morningstar Sustainability Rating

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.