Avanti piano con l’azionario Usa

Le indicazioni che arrivano dagli Stati Uniti parlano di una corsa eccessiva dell’equity. Questo può creare problemi anche a chi investe con un orizzonte globale. 

Marco Caprotti 08/09/2016 | 11:57
Facebook Twitter LinkedIn

C’è da avere paura dell’equity? Il dubbio è lecito. Soprattutto dopo sette anni di miglioramenti macro che sembrano aver spinto i prezzi dell’azionario verso valutazioni insostenibili. Il problema sembra particolarmente evidente per gli Stati Uniti. “In quella regione, dai tempi della crisi dei subprime, l’economia è cresciuta del 28,6%, mentre il mercato azionario è salito del 196,5%”, spiega Dan Kemp, responsabile investimento per l’area EMEA di Morningstar investment management. “Sono numeri difficilmente replicabili da adesso in poi”.

Va detto che corse come queste hanno potuto godere di un mix di carburanti eccezionale: deboli valutazioni iniziali, crescita degli utili aziendali (soprattutto in rapporto allo stato della congiuntura), bassi tassi di interesse, interventi della Federal Reserve e calo progressivo della disoccupazione. “Il problema ora è che gli investitori si sono abituati a questi elementi e li considerano normali. Ad esempio festeggiano ogni volta che la Fed dimostra cautela sul rialzo dei tassi”, spiega Kemp. “Molti però non capiscono che, quando la Banca centrale assume questo atteggiamento, lo fa perché le prospettive dell’economia sono preoccupanti”.

Dagli Usa al resto del mondo
Dal punto di vista operativo, questa situazione crea problemi. E non soltanto a chi investe negli asset americani. Secondo i calcoli di Kemp, ad esempio, l’equity Usa rappresenta circa il 60% dell’azionario presente nelle categorie Morningstar che raccolgono i fondi destinati all’investimento globale (large cap con i diversi segmenti blend, growth, value e small cap). In questo senso i massimi (dal 1999) ritoccati, anche nei giorni scorsi, dal Nasdaq, dal Dow Jones e dall’S&P500 non aiutano.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Usa
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies