Niente panico dopo Brexit

Le Borse mondiali sono in forte calo; tuttavia gli investitori devono mantenere la calma. Emozioni e speculazione non fanno bene al portafoglio.

Sara Silano 24/06/2016 | 15:47
Facebook Twitter LinkedIn

I mercati azionari hanno reagito male alla vittoria del “sì” nel referendum inglese per l’uscita dall’Unione europea. Il Ftse/Mib registra a metà giornata perdite intorno al 10% e sono in forte ribasso tutte le piazze finanziarie del Vecchio continente (l’Eurostoxx è in calo di oltre l’8%). Ha aperto in rosso anche Wall Street. I titoli bancari ed assicurativi sono i più penalizzati e gli investitori corrono verso le obbligazioni governative tedesche e americane, considerate, insieme all’oro e ad alcune valute un bene rifugio, mentre la sterlina ha toccato i minimi dal 1985.

Cosa fare
Gli investitori, che non hanno un approccio mordi-e-fuggi, tuttavia, devono stare tranquilli ed evitare di farsi sopraffare dall’emotività. “Niente panico”, dice Dan Kemp, responsabile degli investimenti EMEA di Morningstar Investment Management (MIM). “Gli investitori devono domandarsi: cosa realmente significhi e come affrontare la situazione. Il primo interrogativo è molto più sfidante del secondo, in quanto gli scenari possibili sono veramente tanti. Il vero pericolo è che si agisca d’impulso e con troppa sicurezza in se stessi. Rispondere al secondo quesito, però, è più semplice: gli investitori devono ricercare le opportunità che si creeranno, lasciando ai trader e agli esperti i movimenti di breve”.

E’ possibile che i prossimi giorni siano dominati dalla volatilità, ma sarebbe un errore abbandonare i propri piani di investimento e gli obiettivi per i quali sono stati costruiti, con l'unico scopo di inseguire i mercati. Il rischio è di vendere ai minimi per poi riacquistare ai massimi, con conseguenti perdite. Per gli investitori di lungo periodo è importante mantenere un approccio prospettico, ricordando che la volatilità è intrinseca al funzionamento dei mercati.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia