Il mercato si prepara all’Election day

Le presidenziali americane sono un appuntamento importante anche per gli investitori. La chiamata alle urne sta già avendo effetti sulle decisioni della Fed. Ma gli operatori devono stare attenti, soprattutto all’industria farmaceutica. 

Marco Caprotti 03/06/2016 | 08:57
Facebook Twitter LinkedIn

Meglio un portafoglio con i colori democratici o repubblicani? A cinque mesi dalle elezioni americane (si terranno l’8 di novembre) la domanda risuona sempre più spesso nelle sale operative e nella mente dei risparmiatori, mano a mano che i candidati snocciolano i loro programmi elettorali.

Ma davvero la vittoria di una parte o dell’altra può (o deve) far cambiare strategia di investimento? “Le ricerche che si sono occupate di presidenti e mercati azionari sono arrivate a risultati contradditori”, spiega un report firmato da Brian Hahn, Managing director di Neuberger Berman. “Alcuni studi hanno mostrato che gli inquilini della Casa bianca democratici hanno fatto bene ai rendimenti delle azioni. Altre suggeriscono che una vittoria del genere ha fatto bene solo alle small cap, mentre le blue chip sono salite indipendentemente dall’amministrazione alla guida del paese. I repubblicani, invece, avrebbero dato una mano alle obbligazioni. Ci sono poi ricerche secondo cui, a prescindere da chi vince, le quotazioni dell’equity scenderebbero durante la prima metà del periodo presidenziale per poi risalire nella seconda fase. Va sottolineato però che questi risultati dipendono in larga parte dal tipo di dati utilizzati. Ad esempio, lo stesso studio sulle small cap dimostrava l’outperformance di questo segmento con le presidenze democratiche nel periodo che va dal 1929 al 1992. Ma gli stessi autori hanno dovuto ammettere che questo trend non si vedeva se si analizzavano i dati a partire dal 1937”.

Fed a due facce
A prescindere dal risultato, la tornata elettorale qualche effetto sui mercati lo sta già avendo. “La vicinanza tra le elezioni presidenziali statunitensi e la riunione di settembre della Federal Reserve sta obbligando la Banca centrale a rivedere la sua strategia di aumento dei tassi d'interesse”, spiega uno studio firmato da Salman Ahmed, responsabile degli investimenti di Lombard Odier Investment Managers. “L’attuale modus operandi della Federal Reserve fuorvia mercati e investitori: prima alimenta le aspettative di un rialzo e poi attua invece misure dovish. In un contesto in cui qualsiasi shock esterno può avere conseguenze sull'economia statunitense, direttamente o tramite i mercati finanziari, alla Federal Reserve restano poche finestre di opportunità per aumentare i tassi, mentre cerca di navigare tra una miriade di potenziali difficoltà: il momento politico del paese, la maturità del ciclo economico statunitense e le sfide strutturali poste da Europa, Cina e Giappone”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies