Growth e value, qualcosa è cambiato

Le azioni delle società ad alta crescita da qualche anno stanno facendo meglio di quelle che danno più valore ai soci. Il fenomeno si può cavalcare, ma non durerà ancora a lungo.  

Marco Caprotti 17/11/2015 | 14:44

Le azioni growth sono ancora per gli investitori stupidi? E quelle value sono sempre per gli intelligenti? I numeri sembrano smentire quelli che vengono tuttora considerati due capisaldi dell’operatività in Borsa (value is for bright, growth is for dummies). Almeno per ora.

Negli ultimi cinque anni (fino a venerdì 13 novembre), l’indice Morningstar large growth stock ha guadagnato il 15,4% (annualizzato) contro il 10,7% del paniere dedicato alle aziende large value. “Si tratta di due andamenti che non possono essere spiegati con le classiche teorie sugli investimenti”, spiega John Rekenthaler, membro del dipartimento di ricerca di Morningstar. “Il modello chiamato Capital asset pricing (CAP) insegna che nelle fasi di mercato Toro le aziende growth (quelle che hanno i tassi di crescita più alti, Ndr) fanno meglio di quelle value (quelle che tendono a restituire più valore agli azionisti, Ndr) grazie a un beta più alto. Ma questo è vero solo in parte e, comunque, non in misura tale da giustificare una differenza così forte nei corsi dei due tipi di equity”. Se il modello CAP valesse sempre, le stesse differenze di performance dovrebbero registrarsi anche nei sotto-segmenti small e mid cap dei due tipi di azioni (nel primo caso c’è una differenza di appena 117 punti base, mentre nel secondo le value fanno leggermente meglio delle growth). 

Piove sul bagnato
“Negli ultimi anni è intervenuto un fattore nuovo: le aziende più forti e ricche lo sono diventate ancora di più”, spiega Rekenthaler. “Questo ha avuto il doppio effetto di aumentare ancora di più l’interesse degli investitori e di far diventare più ricchi i dipendenti delle aziende in questione”. I fenomeni sono stati spiegati recentemente nello studio A Firm-Level Perspective on the Role of Rents in the Rise in Inequality (dedicato alle maggiori diseguaglianze fra ricchi e poveri), firmato da Jason Furman e Peter Orszag, rispettivamente responsabile del President’s Council of Economic Advisers (il gruppo di economisti che lavora con l’amministrazione Obama) e Vice Chairman of corporate and investment banking di Citi.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar