VIDEO: I “campioni nascosti” anche in Italia

Nonostante il rally degli ultimi anni, per Ken Nicholson (Mirabaud) ci sono ancora opportunità nelle aziende a piccola e media capitalizzazione. Il 70% delle Pmi leader di mercati di nicchia si trova Europa, molte in Italia. 

Valerio Baselli 17/11/2015 | 10:11
Facebook Twitter LinkedIn

Valerio Baselli: Buongiorno e benvenuti alla Morningstar Investment Conference 2015. Qui con me si trova Ken Nicholson, responsabile azioni a piccola e media capitalizzazione per Mirabaud AM. Buongiorno Ken e grazie.

Ken Nicholson: Piacere mio.

Baselli: Durante gli ultimi cinque anni le azioni small e mid-cap hanno in media sovraperformato il mercato. Crede che questo rally abbia in qualche modo spinto le valutazioni a un livello troppo alto oppure c’è ancora spazio di crescita?

Nicholson: E’ vero, le valutazioni sono ai massimi e questo rende il mercato un terreno pericoloso, ecco perché serve un gestore in grado di identificare le sacche di valore ancora presenti. Attualmente, siamo in un periodo in cui l’Europa sembra più stabile, con una crescita bassa ma costante, c’è più certezza sul futuro in confronto al 2009 quando le valutazioni erano molto basse e si pensava al peggio, ma siamo andati avanti anche in quel caso. Credo che tutte le classi di attivo siano sopravvalutate attualmente, come conseguenza del Qe (Quantitative easing). Dobbiamo quindi fare attenzione, ma questa è un po’ la nostra parola d’ordine; dobbiamo trovare società con prospettive di crescita a valutazioni interessanti in Europa.

Baselli: Nonostante viviamo ormai in un’economia globalizzata con dei mercati strettamente interconnessi, possiamo dire che storicamente le small e le mid-cap sono più legate al mercato domestico. È ancora così oppure anche chi investe in queste società deve avere una visione internazionale?

Nicholson: Credo che sia ormai molto difficile in Europa avere un focus puramente domestico. Le società in cui vogliamo investire le chiamiamo “i campioni nascosti”, aziende che dominano o domineranno mercati di nicchia, ma a livello globale; molte si trovano in Italia, in Germania, in Scandinavia. Molti studi dimostrano che il 70% di questi “campioni nascosti”, queste società leader in segmenti di nicchia, sono europee. E noi abbiamo una grande opportunità nell’investire in questi nomi, che molto spesso sono aziende familiari da generazioni. Questo è il tipo di azienda in cui vogliamo investire, duratura, che sappiamo che fornirà buoni rendimenti in modo stabile.

Baselli: Ecco, l’economia italiana è costituita principalmente da piccole e medie imprese. Dove trova valore oggi in Italia, se lo trova? E qual è la sua opinione del mercato italiano?

Nicholson: Io sono uno stock picker, quindi non baso le mie decisioni d’investimento sul paese di riferimento. Trovo sempre ottime aziende in Italia, credo che per molto tempo le società italiane siano state sottovalutate a causa dei problemi politici e macroeconomici, ed è stata un’ottima opportunità per noi. Non posso nominare aziende specifiche perché lanceremo un fondo la settimana prossima (questa settimana per chi legge, Ndr) e posso dirle che abbiamo cinque titoli italiani in portafoglio. Saremo quindi leggermente sovrappesati sull’Italia. Troviamo sempre opportunità in Italia, come dicevo i “campioni nascosti”, aziende familiari che esistono da tempo e che dominano un settore di nicchia.

Baselli: Grazie Ken. Per Morningstar, Valerio Baselli, grazie per l’attenzione.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.