PPG Industries strizza l’occhio al Dragone

Il gruppo americano si è guadagnato una posizione di vantaggio competitivo grazie alla specializzazione della sua produzione, ma la crescita futura passa anche attraverso la domanda cinese. Sperando nella ripresa di Pechino. 

Francesco Lavecchia 20/10/2015 | 16:37
Facebook Twitter LinkedIn

PPG Industries (PPG) ha dovuto cambiare pelle per diventa leader, ma ora punta sugli emergenti per continuare a crescere. Il gruppo americano è riuscito a costruirsi una posizione di vantaggio all’interno del settore (Economic moat) grazie allo spostamento della sua offerta a favore dei prodotti a maggior valore aggiunto. La trasformazione è stata facilita dalle numerose cessioni di business e acquisizioni di nuove società come ad esempio AkzoNobel, che ha permesso al gruppo di raddoppiare quasi la quota di mercato nel business dei materiai per rivestimento di superfici (dalle pareti degli edifici a quelle degli aeromobili). Questo segmento ha vissuto una fase di grande consolidamento negli ultimi dieci anni e PPG è in una posizione privilegiata per guadagnare ulteriori quote nel futuro.

Negli anni la quota di fatturato prodotto sui mercati emergenti è salita costantemente. Ora più del 25% del giro d’affari complessivo proviene dai paesi in via di sviluppo e questo promette di essere il principale driver nel medio/lungo termine, soprattutto a causa dell’aumento del peso della Cina e del contestuale allentamento della domanda da parte delle economie occidentali. Ora il Paese del Drago sta rallentando ma, secondo gli analisti, devono ragionare nel lungo periodo.

Le previsioni degli analisti
“Nei prossimi cinque anni ci aspettiamo che i ricavi salgano a un tasso medio del 3,7% e che la ristrutturazione operata in seguito all’integrazione di Comex, l’ultima azienda acquisita, e alla riduzione della capacità produttiva permetterà un’espansione del margine operativo di circa 400 punti base, dall’attuale 11% al 15%”, dice Jeffrey Stafford analista azionario di Morningstar.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
PPG Industries Inc160,39 USD0,86Rating

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy