Orsi e Tori si azzuffano sul rame

Il metallo rosso, fortemente legato ai cicli economici globali, è ai minimi da sei anni. Il mercato si divide tra chi crede che sia un’opportunità di guadagno a lungo termine e chi, invece, suggerisce di andare short.

Valerio Baselli 17/08/2015 | 10:17

L’ottimista vede opportunità in ogni pericolo, il pessimista vede pericolo in ogni opportunità, diceva Sir Winston Churchill. Da sempre il mondo si divide tra chi nella stessa situazione vede un rischio e chi invece una possibilità. La finanza, in questo senso, non fa eccezione. Ultimo oggetto dell’eterno dibattito è il metallo industriale per eccellenza: il rame.

Da sempre legato all’andamento economico, usato in diversi settori industriali, dall’elettronica alle conduzioni, dai generatori all’automobilistica, il metallo rosso sta vivendo una fase di caduta libera e continua a soffrire di alta volatilità. Le quotazioni hanno toccato i minimi da sei anni a questa parte, con una valutazione intorno ai 5.140 dollari a tonnellata sul mercato di Londra; un bel scivolone, se si considera che nel febbraio del 2011 si toccava il massimo storico a 10.180 dollari.

Attualmente, l’offerta supera la domanda. I grandi importatori di rame, su tutti Cina e Brasile, ne hanno sempre meno bisogno in quanto la loro economia reale sta vivendo una fase di contrazione (in Brasile si tratta di una vera e propria recessione). Gli investitori hanno liquidato le loro posizioni soprattutto sulla scia del rallentamento cinese, accertato fra l’altro dagli ultimi dati macroecononomici rilasciati dall’Ufficio nazionale di statistica, secondo cui la produzione industriale a luglio è cresciuta del 6% rispetto a 12 mesi fa, sotto le attese del mercato, mentre gli investimenti in capitale fisso, un indicatore fondamentale per la seconda economia mondiale, sono saliti dell’11,2% nei primi sette mesi, di nuovo sotto le attese.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies