L’Asia non ha più paura della Fed

Rispetto al 2013, quando la Banca centrale Usa ha annunciato la fine del Qe, ci sono meno possibilità che gli investitori scappino dalla regione. Ecco cosa è cambiato da allora. 

Marco Caprotti 01/07/2015 | 10:38

Qualcosa è cambiato in Asia rispetto al 2013. Tanto che gli operatori che lavorano sui mercati della regione sono poco preoccupati per il prossimo rialzo dei tassi di interesse americani. Stavolta, dicono, non ci saranno gli effetti pesanti che si sono registrati un anno e mezzo fa, quando gli Stati Uniti hanno annunciato la progressiva riduzione (tapering) delle iniezioni di liquidità (Quantitative easing) con cui hanno cercato di rilanciare l’economia dopo la crisi scatenata dai mutui di scarsa qualità (subprime).

Allora gli investitori hanno pensato che fosse meglio uscire dai mercati considerati a rischio. Secondo i dati di Morningstar, nel solo mese di maggio di quell’anno fra i fondi europei gli azionari Cina hanno accusato disinvestimenti per 905 milioni di euro e l’azionario Asia ex-Japan riscatti per 386 milioni di euro. Da fine anno la maggior parte delle divise della regione (a eccezione di quella coreana e di quella cinese) si erano deprezzate verso quella Usa. Anche i mercati equity non l’avevano presa bene: da maggio a dicembre l’indice Msci Indonesia aveva sottoperformato del 33% il più generale paniere Asia ex Japan, mentre quello della Thailandia aveva frenato del 23% e quello delle Filippine del 18%.

Cosa c’è di nuovo
Se allora il progressivo diradarsi della liquidità sul mercato aveva spinto gli investitori a buttarsi sugli asset più sicuri, questa volta fra gli operatori serpeggia il timore che altre Banche centrali possano mettersi sul sentiero della Fed e abbandonare le politiche monetarie accomodanti o chiudere i rubinetti dove ci sono piani di allentamento monetario in corso. Del resto, anche in passato, i rialzi dei tassi di interesse Usa hanno portato a uno spostamento degli investitori verso asset americani. “Tuttavia, a differenza del passato, compreso il 2013, i livelli di inflazione in Asia sono tali da lasciare la porta aperta a ulteriori manovre accomodanti da parte delle locali banche centrali se necessario”, spiega uno studio firmato da Paul Chan, direttore degli investimenti per l’Asia (ex Japan) di Invesco.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies