L'Europa si appoggia ai bilanci

La situazione politica della regione e la questione del debito greco stanno innervosendo sempre di più i mercati. Per fortuna, dicono gli operatori, si può contare sugli utili aziendali.  

Marco Caprotti 28/05/2015 | 11:40

Il filo dell’incertezza che unisce Spagna, Grecia e Polonia presto potrebbe toccare tutto il Vecchio continente. Almeno per quello che riguarda i mercati finanziari. Ma, dicono gli operatori, gli investitori per il momento possono contare sugli utili aziendali.

La vittoria alle elezioni amministrative iberiche del movimento di sinistra (e anti austerità) Podemos, che si è aggiudicato Barcellona e sarà determinante nelle giunte di Madrid, Valencia e Saragozza, viene considerato un altro elemento di rischio nel puzzle che forma il delicato quadro dell’Europa. Il risultato delle urne in uno dei paesi a rischio della regione si va a sommare a quello che ha visto, in Polonia, la vittoria degli euroscettici. Su tutto aleggia la questione del debito greco. Le ultime notizie arrivate da Atene parlano di trattative che potrebbero arrivare in porto fra il governo ellenico e i creditori per arrivare al pagamento della rata da 302 milioni e rotti dovuti, entro il 5 giugno, al Fondo monetario europeo. Non rispettare quest’obbligo aprirebbe le porte a un default della Grecia con effetti imprevedibili sul resto del sistema economico. E non solo quello europeo. Il segretario al Tesoro Usa, Jack Law, per esempio, ha avvertito che nessuno dovrebbe essere rilassato in merito ai rischi che un possibile fallimento della Grecia e una sua ipotetica uscita dall'Eurozona potrebbero avere sull’economia globale.

Non tutto il male
“Con riguardo alla Spagna l’elemento di preoccupazione risiede nelle elezioni politiche che avranno luogo a fine anno, con il rischio di un ulteriore progresso delle forze populiste anti-austerity”, spiega un report firmato da Aldo Martinale, Responsabile funzioni studi e analisi di Banca Intermobiliare. “A questo proposito si devono fare alcune considerazioni. Seppure in forte calo il Partito Popolare dell’attuale premier, Mariano Rajoy, è ancora la prima forza politica del paese. Quelle di domenica erano elezioni amministrative nelle quali l’approccio degli elettori potrebbe essere più aggressivo rispetto alle politiche. Resta il fatto che tutte le recenti tornate elettorali hanno confermato la crescita delle forze populiste in Europa e ciò può costituire una minaccia per la tenuta dell’area in questa delicata fase economica”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar