Anno record per l’industria dei fondi europea

Morningstar stima flussi netti per 401,11 miliardi di euro. Bilanciati al primo posto, seguiti dagli obbligazionari. Avanzano gli alternativi, mentre gli azionari indietreggiano. Si fanno strada gli indicizzati.

Sara Silano 06/02/2015 | 15:31
Facebook Twitter LinkedIn

Nel 2014, i fondi europei hanno raccolto 401,11 miliardi di euro, il livello più alto da quando Morningstar ha cominciato a fare le statistiche nel 2007. Nel 2013, i flussi netti erano stati di 258,76 miliardi. La maggior parte (364,36) è riconducibile a quelli a lungo termine (azionari, obbligazionari, bilanciati, alternativi, ecc. esclusi i monetari). Il patrimonio di questi ultimi è stimato in 5,68 mila miliardi. I dati emergono dall’ultimo Morningstar asset flow report, il rapporto mensile sull’andamento dell’industria del gestito nel Vecchio continente.

L’anno dei bilanciati
Il 2014 sarà ricordato come l’anno dei bilanciati (136,19 miliardi di flussi netti), ma tutte le tipologie hanno avuto sottoscrizioni superiori ai riscatti, eccetto i fondi sulle materie prime. Gli obbligazionari chiudono con un saldo netto positivo per 123,52 miliardi, quasi il doppio del 2013. Intanto continuano a farsi strada gli alternativi, che adottano strategie simili agli hedge fund e hanno terminato con un +43,49 miliardi.

E’ stato magro il risultato degli azionari (+44,77 miliardi), quali hanno visto più che dimezzarsi i flussi rispetto all’anno prima. “E’ la prova che agli investitori non piace la volatilità delle Borse, che negli anni passati ha portato a rapide discese”, spiega Ali Masarwah dell’European fund flow team. “Guardando in profondità i dati, si vede una riduzione dei flussi verso le strategie attive (+23,49 miliardi), mentre quelle indicizzate, esclusi gli Etf, abbiano chiuso con un +21,28 miliardi (erano stati 15,76 nel 2013)”.  In termini di crescita organica (flussi in percentuale degli asset iniziali), i secondi hanno registrato un +10,45% contro uno scarno +1,28% delle prime.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies