Il petrolio non è più quello di una volta

Il barile, dicono gli operatori, difficilmente rivedrà valori record registrati in passato. Colpa del calo della domanda e dello shale americano. E della nuova strategia dell'Arabia, che non vuole favorire i suoi concorrenti.

Valerio Baselli 05/02/2015 | 10:17 Marco Caprotti

Mentre i consumatori e le aziende gongolano contando quanto gli resta in cassa ogni giorno grazie al calo dei prezzi del petrolio, gli operatori di mercato studiano le tattiche dei grandi estrattori per capire se il barile sarà in grado di rialzarsi dai 40-50 dollari toccati negli ultimi mesi. L’opinione prevalente è che difficilmente si tornerà a livelli vicini ai 100 dollari. In realtà sembra complicato arrivare anche a quei 70-80 dollari che rappresentano la soglia minima per rendere economicamente vantaggioso estrarre oro nero.

Il barile è cambiato
I motivi sono diversi. Innanzitutto c’è un problema di domanda. I consumi di Francia, Germania, Gran Bretagna e Italia, in dieci anni, sono calati di oltre il 15%. L’Energy information administration americana, nel suo World Energy Outlook del 2014, prevede fino al 2040 un ulteriore calo del consumo europeo di prodotti petroliferi, per un ammontare di oltre il 30%. Sul continente americano, intanto, la produzione interna di petrolio è fortemente aumentata, in gran parte per effetto della produzione di shale oil.

“In un decennio, gli Stati Uniti sono passati dal dipendere per oltre il 63% dalle importazioni, a una dipendenza attuale inferiore al 40%”, spiega uno studio di MoneyFarm. “Su un consumo totale di poco inferiore a 19 milioni di barili al giorno, a fine 2014 ne producevano più di 11 milioni e dei restanti otto, ne importavano più di 2,5 dal Canada. Le previsioni prevalenti (in gran parte precedenti al recente calo del prezzo) indicano un’ulteriore crescita della produzione interna (sia di gas che di petrolio) e un raggiungimento dell’autosufficienza con l’inizio del prossimo decennio”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies