Fondi pensione, un anno in chiaroscuro

La previdenza complementare registra ottimi rendimenti rispetto al Tfr, ma le adesioni avanzano a piccoli passi e la nuova tassazione non aiuta. 

Valerio Baselli 09/01/2015 | 09:47

Il 2014 è stato un anno ricco di novità e particolarmente turbolento per il mondo previdenziale. Dal referendum promosso dalla Lega Nord per abolire la riforma Fornero (il parere della Corte Costituzionale in merito è previsto entro la fine di gennaio), all’introduzione della busta arancione (anche se in via sperimentale a 10 mila lavoratori inscritti all’Inps a cui mancano pochi anni al pensionamento), fino alla legge di Stabilità approvata la settimana scorsa.

Quest’ultima, infatti, ha introdotto due importanti novità. La prima riguarda l’aumento della tassazione sulle performance dei fondi pensioni dall’11 al 20% (dal 20 al 26% per le casse professionali). Questo, oltre a ridurre le prestazioni nette, marca ancor di più la differenza tra l’Italia e il resto d’Europa in materia: solo da noi, in Danimarca e in Svezia, infatti, i rendimenti sono soggetti a prelievo fiscale. Negli altri paesi Ocse, la tassazione avviene una volta sola, cioè al momento del pensionamento. Il Sole 24 Ore ha calcolato che con la nuova aliquota la riduzione della prestazione può arrivare fino all'11% della posizione netta maturata. Questa decisione è stata ampiamente criticata dagli adetti ai lavori; Alberto Brambilla di Itinerari previdenziali, ad esempio, ha lanciato una controproposta riguardante il gioco d’azzardo (clicca qui per leggere).

All'inasprimento della tassazione, si aggiunge poi l'altra novità del Ddl, cioè la possibilità per i lavoratori di richiedere in busta paga l’accantonamento mensile del Trattamento di fine rapporto (Tfr). Anche questa misura, sottraendo risorse agli accantonamenti, avrà probabilmente un impatto negativo sulle prestazioni finali dei fondi. Clicca qui per guardare il Video Vox Populi Tfr in busta, sì o no?

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar in Francia e Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar