Needham: volatilità passata cattiva consigliera

Per il responsabile globale degli investimenti di MIM, le valutazioni sono una delle migliori misure per guardare al rischio in modo prospettico. Se ne parlerà alla MIC.

Valerio Baselli 29/10/2014 | 10:01

Il dubbio non è piacevole, ma la certezza è ridicola, scriveva Voltaire. Un concetto che si dovrebbe ricordare più spesso, soprattutto in finanza. Se infatti la storia ha vissuto l’esplodere di periodiche bolle finanziarie è perché gli investiori, purtroppo, non imparano dall’esperienza passata e quando cercano di misurare il rischio lo fanno spesso usando i parametri sbagliati.

Ma come si dovrebbero calcolare i rischi legati all’attività d’investimento? Daniel Needham, responsabile globale investimenti di Morningstar Investment Management Europe, sembra avere le idee piuttosto chiare: di certo non usando la volatilità. Durante il suo intervento in occasione della Morningstar Investment Conference (evento che si terrà l’11 novembre a Milano), dal titolo Risk Measurement and Portfolio Construction, Needham dimostrerà infatti come l’evidenza empirica ci dica che basarsi sulla volatilità passata per prendere le proprie decisioni d’investimento non sia affatto una buona idea. “Analizzare la volatilità è sicuramente utile, ma essa non può venir presa come unico e univoco parametro per misurare il rischio”, afferma Needham in una nota. “Non dovrebbe essere un semplice esercizio quantitativo, il giudizio deve essere più complesso”.

Opportunità fa rima con volatilità
Il fatto è che la deviazione standard non è di certo un indicatore adatto per le perdite future; le perdite, al contrario, sono molto probabili quando non c’è più spazio di crescita, quando cioè la volatilità è molto bassa. Di fatto, Needham, sostiene che momenti di forte volatilità hanno molto spesso preceduto dei rally di mercato, il che significa che potrebbero essere visti anche come un segnale per le opportunità di acquisto. Basta pensare al 2001, uno dei migliori anni recenti per gli investitori azionari, subito dopo l’esplosione della bolla tecnologica, la quale fece impennare appunto la volatilità. Stesso discorso si potrebbe fare per la crisi finanziaria del 2007-2008: altissima deviazione standard in quegli anni, seguita da un rally partito nel 2009 che sembra aver terminato la sua corsa solo ora.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies