Benvenuti sul nuovo sito Morningstar.it! Scopri quali sono i cambiamenti e come le nuove funzionalità ti possono aiutare ad avere successo negli investimenti.

Pensione, la “legge sociale” conta di più

Il contesto in cui si vive e le esperienze delle persone a noi vicine pesano molto più della razionalità finanziaria o della normativa, quando di tratta di pensionamento. A dirlo è un recente studio olandese.  

Valerio Baselli 18/07/2014 | 00:12

Lavorare più a lungo pesa? Non se lo fanno tutti. E’ questo, in sintesi, il risultato di una recente analisi pubblicata dal dipartimento ricerca di De Nederlandsche Bank, istituto di credito olandese, secondo cui le opinioni e le preferenze in materia di età di pensionamento di un individuo sono influenzate dall’ambiente in cui vive. Il report, dal titolo Social interactions and the retirement age, mostra infatti una relazione statisticamente significativa tra la propria scelta del momento in cui andare in pensione e quanto fatto da colleghi, parenti, amici e conoscenti. I dati evidenziano che un individuo tende a posporre il pensionamento se il suo ambiente si muove nella stessa direzione: l’aumento di un anno dell’età di pensionamento media del proprio ambiente sociale conduce all’aumento di tre mesi nella propria.

Il sondaggio si è svolto in Olanda nel maggio del 2012 e ha coinvolto 1.845 persone tra i 16 e i 65 anni di età. Lo scopo era di esaminare come il contesto sociale influenzi le decisioni che si prendono sulla propria pensione e quali, tra le persone a noi vicine, sono le più influenti.

L’esperienza degli altri aiuta
Non è certo un segreto che i governi di mezzo mondo, almeno quello industrializzato, stianno riformando i sistemi pensionistici per questioni di bilancio e di invecchiamento della popolazione (in Italia ne sappiamo qualcosa, vedi la legge Fornero). Lo scopo di alzare l’età pensionabile è quello di ridurre la spesa pubblica e aumentare la partecipazione della forza lavoro. Ma perché l’età legale di pensionamento è importante? Una spiegazione è che serve come punto focale. Gli individui pianificano la loro uscita dal mondo del lavoro in relazione all’età prevista dalla legge, come consiglio da prendere in considerazione. Tuttavia, secondo la ricerca, non sarebbe questa la variabile più importante.

“Abbiamo esaminato il rapporto tra le interazioni sociali e i comportamenti previdenziali attraverso un sondaggio appositamente costruito per questo scopo”, si legge nella presentazione. “L’evidenza mostra che le interazioni sociali sono molto importanti per la scelte in campo pensionistico; gli individui danno molto peso all’esperienza dei loro colleghi, amici, del coniuge, dei figli o di altri familiari”.

Il peso delle interazioni sociali
Alcuni test specifici, inoltre, hanno mostrato l’importanza dell'ambiente sociale in relazione alla età pensionabile. Una prima spiegazione è che la decisione di ritirarsi è una questione complessa che viene di solito presa una volta nella vita. Gli individui imparano da altre persone, osservando il loro comportamento. La seconda spiegazione è che i singoli hanno una naturale predisposizione a conformarsi al comportamento della società.

Le tendenze possono poi rafforzare gli effetti degli incentivi finanziari. L’impatto delle scelte del gruppo sociale di riferimento è più forte quando queste vengono dettate da motivi finanziari. Di conseguenza, le politiche che rafforzano gli incentivi finanziari a lavorare più a lungo, avranno un effetto maggiore attraverso le interazioni sociali.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Redattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar