VIDEO: L’Europa offre ancora opportunità

Per Julian Callow, capo economista globale di Barclays, il Vecchio continente pullula di ottime opportunità d’investimento. L’unione bancaria è importante, ma non sufficiente. Il problema vero resta la disoccupazione.

Valerio Baselli 12/11/2013 | 13:38
Facebook Twitter LinkedIn

Valerio Baselli: Per Morningstar, sono Valerio Baselli. Siamo a Milano, all’Etf Investment Conference, dove ho avuto l’opportunità di incontrare Julian Callow, capo economista globale di Barclays.

Julian, grazie di essere qui con noi.

Julian Callow: Grazie a voi.

Baselli: Dallo scoppio della crisi finanziaria del 2008, sentiamo spesso dire che viviamo ormai in una situazione di New Normal, ma cosa vuol dire esattamente?

Callow: Penso indichi una situazione in cui l’espansione economica e la domanda domestica non siano più dipendenti dall’emissione di debito, e questo si vede ad esempio dal deleveraging (diminuzione del livello d’indebitamento, ndr) nel settore bancario, aspetto particolarmente forte nel Sud Europa. Oltre a una forte debolezza nei valori immobiliari. Si tratta anche dei deficit molto ampi che i governi hanno, la cui conseguenza è una caduta nella domanda del settore privato.

In più, penso che l’effetto di questi fattori sia anche più pesante a causa dell’invecchiamento di alcuni paesi. Siamo arrivati a un punto in cui i costi legati all’invecchiamento della popolazione sono ormai riconoscibili e il loro impatto sull’economia è piuttosto chiaro, soprattutto in Europa.

Baselli: Ecco, parliamo più specificatamente d’Europa. La recessione dell’Eurozona è ufficialmente finita, anche se poi cambia molto da paese a paese, e in Italia ne sappiamo qualcosa. Come vede lei la situazione europea oggi? Dal punto di vista di un investitore, lei vede più opportunità o più rischi?

Callow: Penso che al momento, viste le valutazioni correnti, ci siano più opportunità. Credo che la più importante lezione da imparare dalla crisi finanziaria sia quella di essere sempre critici e di analizzare i mercati, gli strumenti e le società molto attentamente. In Europa la situazione resterà ancora per un po’ piuttosto debole e incerta, ma come ha detto lei, abbiamo fatto passi avanti e cominciamo a crescere. Ci sono sicuramente ottime opportunità in specifici paesi, come il Regno Unito e la Germania, ma anche in Spagna e in Portogallo ci sono sviluppi interessanti. Anche altrove, in Francia e in Italia, ci saranno opportunità d’investimento.

Ci sarà un importante cambiamento anche dal punto di vista psicologico, in particolare quando i mercati presentano valutazioni molto attraenti. In confronto agli Usa o altri posti, l’Europa offre ottime opportunità d’investimento.

Baselli: Il Consiglio Europeo ha confermato l’obiettivo di raggiungere l’unione bancaria entro la fine dell’anno. Ci crede? Pensa sia un passo importante verso un’Europa più forte e più unita?

Callow: E’ molto importante. Credo che sia un passo importante e necessario, ma non sufficiente per risolvere i problemi che abbiamo. Quando l’unione monetaria è stata progettata, credo che il difetto principale sia stato proprio quello di non creare le condizioni per un’unificazione bancaria. È stato semplicemente dato per scontato che avvenisse, ma non è successo, perché abbiamo regolatori nazionali e settori nazionali controllati dai politici locali. È quindi molto importante che l’Europa riconosca l’importanza di avere un solido settore bancario continentale. Nel breve periodo questo potrebbe significare che le banche resteranno caute e continueranno col deleveraging, il che significherebbe un’attività di credito ridotta. Ma una volta che l’unione bancaria sarà in piedi, dal 2015 in avanti, credo che le banche saranno più sane e in grado di finanziare l’economia.

Baselli: Recentemente, il Presidente del Consiglio italiano, Enrico Letta, ha dichiarato che “il problema non è l’Europa, ma la mancanza d’Europa”. È d’accordo?

Callow: Sì. L’Europa ha fatto molti passi in avanti, e l’unione bancaria è un ottimo esempio, anche se non dovremmo vederla come una panacea. C’è molto di più che deve essere fatto, come migliorare il funzionamento economico, renderlo più competitivo e interessante per gli investitori. Perché questo è quello che manca ancora, un vero settore privato dinamico e solido che possa produrre ricchezza e lavoro. Non a caso, abbiamo un livello di disoccupazione in Europa ancora troppo alto, perciò dobbiamo essere prudenti sulle previsioni.

Baselli: Grazie ancora a Julian Callow.

Callow: Grazie.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.