L'Europa dell'est è ancora in bilico

L'indice della zona cresce, ma l'economia della regione non reggerebbe a nuove cattive notizie sull'andamento mondiale. Manca il traino di Russia e Polonia

Marco Caprotti 23/10/2013 | 13:53
Facebook Twitter LinkedIn

L’Europa dell’est va ancora trattata con le pinze. Il consiglio viene dall’ultimo report sull’area preparato dal Fondo monetario internazionale secondo cui la parte emergente del Vecchio continente è ancora troppo fragile e reagirebbe male a delle cattive notizie dal fronte della crescita mondiale.

La ripresa registrata dall’indice Msci della regione (+3,1% calcolato in euro nell’ultimo mese, che ha portato a -0,7% la performance da inizio anno), quindi, sarebbe un riflesso dei segnali di risveglio che si avvertono negli Stati Uniti e, soprattutto, nella parte occidentale dell’Europa. “I paesi della parte centrale ed est del Vecchio continente sono sotto pressione fin da primavera, da quando cioè la Federal Reserve ha parlato di ridurre le iniezioni di liquidità spingendo gli investitori a spostarsi per andare in Usa”, spiega lo studio preparato dagli economisti dell’Fmi guidati da Bas Bakker e Kristoph Klingen. “Quando poi a settembre la Banca centrale americana ha deciso di andare avanti con il programma di aiuti all’economia qualche investitore è tornato. Ma la maggior parte è stata spaventata dalle prospettive di crescita dell’est Europa che, nel frattempo, sono peggiorate”.

Russia e Polonia frenano
Secondo le stime dell’Fmi il Pil della zona emergente del Vecchio continente quest’anno crescerà dell’1,7% che potrebbe diventare il 2,7% nel 2014. “L’andamento del 2013 è più debole a causa soprattutto della debolezza di Russia e Polonia”, continua lo studio. “I due paesi hanno contribuito a dare una spinta a tutta la regione nel corso della crisi del 2007-2009 grazie soprattutto ai consumi interni. Ma ora anche questo elemento sta venendo a mancare”. Il risultato è che la regione è in una posizione delicata. Soprattutto se dovessero riemergere segnali di un rallentamento dell’Europa occidentale che è poi il mercato di riferimento per le aziende di quella regione. “Un andamento deludente di Eurolandia non farebbe altro che peggiorare il calo della produzione delle aziende dell’est”, dice il report.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies