Siria, mercati con l'elmetto

Gli effetti sulle Borse mondiali di un attacco americano al paese mediorientale dipenderanno dalla durata del conflitto. L'azionario può diventare un'opportunità d'acquisto. Ma il petrolio rischia di fermare la crescita globale. 

Marco Caprotti 05/09/2013 | 10:06

Gli Stati Uniti bruciano le tappe, le Nazioni Unite frenano e le Borse scendono. La possibilità di un intervento armato degli Usa in Siria (per cui il presidente Barack Obama ha ottenuto il via libera dal Senato mentre attende l’ok del Congresso) divide la comunità internazionale e lascia indecisi gli operatori sul da farsi. Il discorso del Segretario di stato, John Kerry, alla commissione esteri del senato Usa, intanto, ha spiazzato gli osservatori: non metteremo piede in Siria, ha detto. Ma in altri passaggi del suo discorso ha scartato con minor fermezza l’ipotesi. “Siamo d’accordo sul fatto che non ci saranno soldati americani in Siria” ha spiegato. “Il Presidente su questo è stato chiaro. Non abbiamo intenzione di assumere una tale responsabilità nella guerra civile in Siria. Chiediamo l’autorizzazione per colpire e diminuire la capacità di Bashar Al Assad (il presidente siriano, Ndr) di ricorrere ad armi chimiche”.

Intanto il Segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, fa da contrappeso e mette in guardia la Casa Bianca contro i rischi di un intervento punitivo al di fuori del perimetro giuridico di una risoluzione Onu. “L’uso della forza può essere fatto nel quadro della legge solo per legittima difesa in base all’articolo 51 della carta delle Nazioni Unite o quando il Consiglio di sicurezza approva tale azione”. Un via libera che sembra fuori discussione in base al veto di Russia e Cina. Trader e analisti, intanto, si interrogano sulle mosse da fare in Borsa. Nel mirino ci sono soprattutto l’equity e il petrolio.

Gli effetti in Borsa
“I corsi azionari si sono indeboliti molto da quando si è iniziato a parlare di un intervento americano in Siria, sia nei mercati emergenti sia in quelli in via di sviluppo”, spiega Rodney Hobson, analista di Morningstar. “Al momento è difficile prevedere dove un’eventuale escalation potrà portare. Dal punto di vista operativo questa potrebbe essere una buona opportunità d’acquisto. Se la guerra in Siria dovesse arrivare a una rapida conclusione le azioni avrebbe un rapido rimbalzo mentre nelle sale operative si tornerebbe a parlare di ripresa degli Stati Uniti e di uscita dell’Europa dalla crisi”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies