Non è un'Europa per giovani

L'Ue prende provvedimenti per favorire l'occupazione ma, dicono gli operatori, potrebbe essere tardi. Il nodo resta la crescita economica. Gli investitori, intanto, continuano ad approfittare della debolezza dell'area. 

Marco Caprotti 18/07/2013 | 14:56
Facebook Twitter LinkedIn

“Il livello di disoccupazione giovanile ha raggiunto livelli senza precedenti in molti stati membri con grandi costi umani e sociali. È necessaria un’azione urgente”. Se non fosse drammatica, l’ultima dichiarazione del Consiglio europeo, farebbe sorridere. Soprattutto se si accosta la parte in cui si parla di “un’azione urgente” ai dati sull’occupazione di alcuni paesi della regione.

Un esempio è l’Italia dove l’Organizzazione per lo sviluppo e la cooperazione economica (Ocse) prevede un peggioramento del tasso dei senza lavoro (vecchi e giovani) al 12,6% nel quarto trimestre del 2014 dal 12,2% dello scorso maggio e contro il 6,2% ante-crisi. Come emerge dall’Employement Outlook, si tratta del sesto peggior dato tra i 34 Paesi aderenti all’Organizzazione oltre ad essere uno dei peggioramenti più marcati tra i Paesi industrializzati rispetto al 2007. Ma è proprio sui giovani che, ancora una volta, l’allarme è massimo. In Italia la percentuale dei 15-24enni inoccupata è cresciuta di 6,1 punti tra il 2007 e la fine del 2012, contro i 4,3 punti della media Ocse e l’aumento è attribuibile essenzialmente ai cosiddetti Neet (Not in education employment or training, così vengono definiti i ragazzi che non sono al lavoro né a scuola), la cui percentuale è aumentata di 5,1 punti al 21,4% della fine del 2012. Si tratta del terzo peggior andamento nell’area Ocse, dopo Grecia e Turchia.

Il contrasto con gli altri paesi industrializzati è impressionante. Altrove, scrivono gli esperti dell’Organizzazione, davanti a difficili prospettive occupazionali i giovani hanno reagito ritardando l'ingresso nel mercato del lavoro e approfondendo gli studi, per cui il tasso dei Neet, nonostante la crisi, è rimasto stabile. Tra i ragazzi italiani è invece aumentata l’inattività totale. Il tasso di occupazione dei 15-24enni in Italia è sceso al 20,5% a fine 2012, il quinto peggior dato nell’Ocse, la metà rispetto alla media dell’area (39,7%), dal 24,7% del 2007 e dal 27,8% del 2000. Il tasso di disoccupazione giovanile è invece balzato dal 20,3% del 2007 al 39,2% del primo trimestre 2013. “L’Unione europea è in grado di affrontare una crisi solo quando questa ha avuto il tempo necessario per fare gravi danni”, spiega Jose Garcia-Zarate, senior fund analyst di Morningstar. “Probabilmente non può fare in altro modo, vista la difficoltà nel far coincidere gli interessi generali dell’area con quelli dei singoli stati che la compongono”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy