Gestori, meglio l’Europa dell’Asia

Nel Vecchio continente, le valutazioni sono attraenti. Torna a crescere la fiducia sugli Stati Uniti. L'area del Pacifico offre poche occasioni. Dollaro più forte.

Sara Silano 11/07/2013 | 12:42
Facebook Twitter LinkedIn

Asia, no grazie. I gestori, interpellati da Morningstar nell’ultimo sondaggio tra le principali case di investimento che operano in Italia, non vedono grandi opportunità nell’area del Pacifico e preferiscono stare in Europa.

Eurolandia a buon prezzo
Quasi il 69% dei gestori prevede un apprezzamento dei listini europei nei prossimi sei mesi. Il dato è inferiore ai due mesi precedenti, tuttavia, va visto insieme a quello dei pessimisti. Nessuno degli intervistati si aspetta forti ribassi nel Vecchio continente, a differenza degli Stati Uniti e dell’Asia. I fund manager mettono l’accento sulle valutazioni attraenti, sulla possibilità che si vada verso la soluzione del problema del debito sovrano e sulla fine degli eccessi nei provvedimenti di austerità. Il tutto in un contesto di politiche monetarie che rimarranno accomodanti a lungo.

Usa, ora tocca all’economia
A luglio, la percentuale di ottimisti su Wall Street è tornata a crescere, passando dal 50% di giugno al 69%. I gestori hanno superato il disorientamento legato alle future mosse della Federal Reserve, la quale, per altro ha ribadito di voler mantenere una politica accomodante, e sono convinti che il miglioramento congiunturale sosterrà le quotazioni azionarie, perché farà aumentare i profitti. Il mercato immobiliare supporta la ripresa. Un altro fattore giudicato positivamente è la diminuzione del prezzo dell’energia. I pessimisti (18,7%) puntano il dito soprattutto sulle valutazioni, meno attraenti rispetto a quelle europee.

Tokyo può ancora salire
I gestori sono ottimisti sul futuro della Borsa nipponica. A giugno, il 63% si attende un apprezzamento nei prossimi sei mesi, grazie alle politiche messe in atto dalla Banca centrale e alla debolezza dello yen. Non mancano però le voci fuori dal coro di coloro che ritengono che le valutazioni siano già cresciute molto e rimarranno volatili in futuro. 

Asia, poche occasioni
A giugno, il sentiment sui mercati asiatici è bruscamente cambiato. La percentuale di ottimisti si è dimezzata passando dal 50% di giugno al 25%. La maggior parte dei gestori (68,7%) prevede che i listini oscilleranno attorno agli attuali livelli nei prossimi sei mesi e un 6% si attende un calo. E’ convinzione diffusa che le valutazioni non lascino grandi spazi di apprezzamento. Le preoccupazioni riguardano anche le pressioni inflazionistiche, la crescita cinese e le tensioni geopolitiche.

BTp, spread in calo
Il 56% dei gestori stima una discesa dei prezzi dei Bund e un altro 42,8% stabilità intorno agli attuali livelli. I titoli di stato tedeschi sono considerati poco attraenti, dati i bassi rendimenti che offrono. Sono simili le previsioni per i Treasury americani. In questo caso, però, i fund manager ragionano sulle future mosse della Federal Reserve e sul miglioramento congiunturale.

Per quanto riguarda i BTp italiani, circa il 70% degli intervistati non prevede grandi oscillazioni rispetto alle attuali quotazioni. E’ convinzione diffusa che il differenziale (spread) rispetto ai Bund continui a scendere, nonostante l’instabilità del quadro politico.

Dollaro forte
I gestori confermano le previsioni di giugno, con il 75% che stima un apprezzamento del dollaro sull’euro nei prossimi sei mesi. Molto dipenderà dalle decisioni delle Banche centrali. La Bce si trova costretta a mantenere la politica espansiva, dato il clima recessivo di Eurolandia, mentre la Fed potrebbe porvi fine nei prossimi mesi se la situazione economica continuerà a migliorare. Non mancano però i giudizi controcorrente. Per Fabrizio Fiorini, direttore investimenti diretti di Aletti Gestielle Sgr, “La diversificazione sul dollaro non si ritiene possa dare contributo positivo alla performance o vantaggi in termini di riduzione della volatilità, pertanto gran parte dell’esposizione a questa valuta continuerà ad essere soggetta ad operazioni di copertura”.

Hanno partecipato al sondaggio, condotto tra il 2 e il 9 luglio, 16 delle principali società di gestione e intermediazione operanti sul territorio. Si tratta Aletti Gestielle, Allianz Global Investors, Amundi Sgr, Carmignac Gestion, Convictions AM, Eurizon Capital Sgr, InvestBanca, Investitori Sgr, La Française Am, M&G, Nemesis Am, Pioneer IM, Sella Gestioni, Swiss&Global AM Sgr, Union Bancaire Privéee, VG asset management.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia