L'economia mondiale resta in bilico

I progressi fatti da Stati Uniti e Giappone sono stati in parte vanificati dalla debolezza dell'Europa. Anche gli emergenti non stanno bene. L'Fmi, intanto, lima le sue previsioni. 

Marco Caprotti 10/07/2013 | 15:27

L’economia mondiale mostra segni di miglioramento, ma il trend potrebbe non continuare. “Il progresso congiunturale registrato negli Stati Uniti e in Giappone è stato in parte smorzato dai problemi di Eurolandia”, spiega uno studio di Thomas White International. “Anche nel Vecchio continente, tuttavia, non mancano le buone notizie come il miglioramento della fiducia dei consumatori e delle aziende in Germania”.

Segnali contradditori sono arrivati dalle economie emergenti che hanno dovuto fare i conti con il calo della domanda da parte dell’Europa e con la discesa dei prezzi delle commodity (che per molti paesi in via di sviluppo rappresenta la principale voce di bilancio). “L’indebolimento di alcune valute come la rupia e il real, tra l’altro, non porta nessun beneficio. Avendo a che fare con uno scenario molto competitivo, le aziende dei paesi esportatori hanno iniziato una guerra dei prezzi che, già nel medio periodo, inciderà sui bilanci”, continua lo studio.

L’allarme dell’Fmi
Il Fondo monetario internazionale, intanto, nel suo World economic outlook ha limato le previsioni sull’andamento del Pil globale. “A causa di una domanda domestica debole, del rallentamento della crescita nelle economie di vari mercati emergenti chiave e una ancor più protratta recessione nell'area Euro”, ha tagliato dello 0,2% le stime sia per quest’anno sia per l’anno prossimo rispettivamente a un +3,1 e +3,8%. Secondo l'istituto guidato da Christine Lagarde, “rischi per una frenata alla crescita globale continuano a dominare: mentre i pericoli più vecchi restano, altri ne sono emersi inclusa la possibilità di un più lungo rallentamento nelle economie dei mercati emergenti”, soprattutto se si considerano l’eventualità di una stretta creditizia e di condizioni finanziarie meno agevoli.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies