Pensioni, 80 mld di risparmi con la riforma Fornero

Secondo l’Inps, la spesa pensionistica pubblica in rapporto al Pil diminuirà costantemente fino al 2045. Il punto più basso verrà toccato nel 2019.

Valerio Baselli 07/06/2013 | 12:34
Facebook Twitter LinkedIn

A prescindere da quello che si pensa della tanto criticata riforma Fonero sul sistema pensionistico pubblico, una cosa sembra certa: lo Stato spenderà meno  soldi. A certificarlo è lo stesso ente previdenziale, l’Inps, che nel suo ultimo rapporto dell’area attuariale (che si occupa di analisi e previsioni statistiche) spiega come nel decennio che va dal 2012 al 2021, la nuova configurazione permetta di risparmiare ben 80 miliardi di euro rispetto alla cifra che si sarebbe spesa con il vecchio ordinamento.

L’Inps certifica quindi un risparmio quasi quattro volte superiore a quello previsto dallo stesso ex-ministro Fornero che, poche settimane dopo l’approvazione del decreto Salva Italia che conteneva anche la riforma delle pensioni, aveva parlato di 22 miliardi di risparmio fino al 2020.

Nel rapporto sulla spesa pensionistica, che include proiezioni fino al 2050, si evidenzia come la riforma Fornero sia quella che dia maggiori risparmi a breve con il picco negativo (o positivo, dipende da come la si guarda) nel 2019 (poco sopra l'8,6% del Prodotto interno lordo, nel 2011 era circa il 12%). Da lì in avanti la spesa risale, restando comunque al di sotto di quella prevista con le riforme precedenti (segnando quindi ulteriori risparmi oltre gli 80 miliardi stimati nel decennio 2012-2021) fino al 2045, anno in cui incrocia le curve della spesa delle altre riforme in termini di percentuale sul Pil (poco sotto il 10,5%).

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies