Segnali di vita dall'Europa

La regione va ancora a rilento. Ma, dicono gli operatori, dai numeri macro arriva qualche indicazione rassicurante. E la sottovalutazione dei titoli spinge ad acquistare. 

Marco Caprotti 06/06/2013 | 12:02

“E’ meglio essere ottimisti e avere torto che essere pessimisti ed avere ragione”. E con l’atteggiamento di Albert Einstein, a cui la frase è attribuita, gli operatori stanno guardando agli ultimi sviluppi della crisi in Europa.

I numeri arrivati dalla regione relativi a maggio dicono che la seconda lettura degli indici Pmi manifatturieri (Purchasing managers index, elaborato intervistando i responsabili degli acquisti delle aziende) ha fornito dati superiori alle attese, con il Pmi area euro rivisto da 47,8 a 48,3, contro il 46,7 di aprile.  “Il livello degli indici è ancora coerente con un Pil in leggera contrazione, ma con un trend in miglioramento”, spiega una nota di Banca Intermobiliare (Bim). Sempre negativi, invece, i dati sui consumi, con le vendite al dettaglio che ad aprile sono scese sia in Germania che in Francia. Rimbalzo superiore alle attese per la fiducia delle imprese italiane, che a maggio è salita di mezzo punto a 88,5. È aumentata in particolare la componente aspettative, probabilmente grazie alla formazione del Governo e ai suoi primi provvedimenti  (come lo sblocco dei pagamenti della Pubblica amministrazione). Il dato, comunque, rimane basso in valore assoluto (media storica a 99,9).

L’indice di fiducia economica elaborato dalla Commissione europea è salito a maggio a 89,4, quasi un punto in più di aprile. Il miglioramento è diffuso a quasi tutti i settori, con l’eccezione delle costruzioni che hanno subito il clima peggiore della media. “Anche in questo caso, comunque, il dato è lontano dalla media storica (99,8), ed in linea con un Pil ancora negativo, segnale che l’economia europea ha probabilmente toccato il fondo ma è ancora distante da una solida ripresa”, dicono ancora da Bim. La nota dolente resta la disoccupazione. Nell’area euro il tasso dei senza lavoro ha raggiunto il 12,2% (+0,1%), con le punte di Spagna e Grecia (27% circa, con picchi superiori al 50% per il lavoro giovanile). Dati negativi anche per l’Italia, dove la disoccupazione è aumentata di un decimo al 12% (ma con una importante revisione dei dati precedenti che ha portato il tasso di marzo dall’11,5% all’11,9%), peggior dato da quando la serie storica esiste (1977). I dati preliminari di maggio mostrano invece una stabilità al 6,9% per i senza lavoro in Germania.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies