L'Europa rischia un frontale

A tre anni dal salvataggio della Grecia gli operatori si chiedono ancora se l'unione monetaria resisterà. In Borsa è meglio muoversio con prudenza. 

Marco Caprotti 30/05/2013 | 11:52
Facebook Twitter LinkedIn

“Tragedia greca”. “Atene mette in pericolo l’Euro”. “Europa a rischio disgregazione”. Era questo il tenore dei titoli che circolavano sui giornali fino a maggio di tre anni fa, quando sono partiti gli aiuti per salvare dalla bancarotta la penisola ellenica ed evitare il baratro al resto del Vecchio continente. Da allora di acqua sotto i ponti ne è passata, anche se, citando l’ex ministro delle finanze tedesco Peer Steinbruck, candidato per i socialdemocratici alla Cancelleria nelle prossime elezioni in Germania, “è ancora presto per escludere che la luce in fondo al tunnel sia quella di un treno”.

Fitch ha rivisto al rialzo il rating di Atene portandolo da CCC (ad alto rischio) a B- (altamente speculativo). Una promozione pagata a caro prezzo con la disoccupazione giovanile che sfiora il 60%, con le tasse non pagate e con le famiglie che, in molti casi, non hanno i soldi per pagare la spesa. Tutto questo è servito per fare, secondo le parole di Fitch “chiari progressi nell’eliminare il doppio deficit, fiscale e corrente”. Un risultato ottenuto sulla pelle dei ceti medio e basso che si sono visti decurtare di un quarto pensioni, stipendi, indennità. Da gennaio a marzo c’è stato un primo avanzo primario, grazie alla ricapitalizzazione delle banche, a due privatizzazioni e a due tranche di prestiti da 7,5 miliardi complessivi che saranno versati entro giugno. Inoltre il Paese vede ribassato il tasso di interesse che deve pagare per ottenere dagli investitori i soldi necessari.

Ripresa o crisi?
Pure nel resto d’Europa la situazione è cambiata. Gli ultimi dati dicono che il Pmi (indicatore elaborato sulle indicazione dei responsabili degli acquisti delle aziende) composite area euro è salito a 47,7 dal 46,9 di aprile, con un recupero più consistente della componente manifatturiera rispetto a quella dei servizi, in salita di mezzo punto a 47,5. A livello di singoli paesi, il Pmi tedesco è salito sia nella componente manifatturiera (49 da 48,4) che servizi (49,8 da 49,6), mentre quello francese è aumentato solo nel manifatturiero (45,5 da 44,4), con l’indicatore dei servizi stabile a 44,3. “Il Pmi rimane sotto quota 50, indicando quindi ancora un clima recessivo in Europa nel secondo trimestre, probabilmente in linea con l’andamento fatto registrare nel primo trimestre”, spiega una nota di Banca Intermobiliare. “Gli ultimi dati, tuttavia, potrebbero far propendere le stime per un leggero miglioramento nel secondo trimestre”. Positivo anche l’indice Ifo tedesco di maggio, in progresso di oltre un punto a quota 105,7 contro attese di stabilità a 104,4. Il livello dell’indice Ifo rimane elevato sia rispetto alla media storica (101,9) sia rispetto alle condizioni attuali dell’economia, visto che un livello di 105,7 è in linea con una crescita del 2% annuale, distante dalla realtà di questi mesi”, continua la nota. “Negli ultimi trimestri l’Ifo non è stato un indicatore affidabile per quanto riguarda l’economia tedesca, il cui andamento è meglio reso dall’indice Pmi”. Recupera leggermente l’indice di fiducia dei consumatori europeo, passando da -22,3 a -21,9 a maggio. La fiducia rimane comunque ancora debole (media storica -13) a livello assoluto, soprattutto nei paesi periferici.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy