Adobe può cascare dalle nuvole

Per la società americana è iniziata l’era del cloud computing. La nuova strategia promette di far ripartire la crescita ma al momento il mercato riconosce al titolo un premio eccessivamente elevato.

Francesco Lavecchia 14/05/2013 | 15:43

L’approdo alla tecnologia cloud fa volare Adobe System (ADBE). Forse troppo. Da maggio scorso, quando il management della società americana ha lanciato il Creative Cloud, rivoluzionando il suo modello di business, il titolo ha guadagnato circa il 35%, sovraperformando largamente il suo listino di appartenenza (Nasdaq).

Adobe, titolo buono ma troppo costoso
I nostri analisti giudicano molto positivamente la nuova strategia ma raccomandano agli investitori di non esporsi sul titolo, poiché troppo costoso rispetto alla loro stima del prezzo obiettivo pari a 34 dollari per azione. Adobe si è affermato come leader assoluto nella produzione di software per la creatività (come ad esempio Photoshop, inDesign e altri) grazie alla semplicità degli stessi e al loro uso diffuso da parte dei professionisti del mestiere. Il passaggio alla tecnologia cloud riuscirà a nostro avviso a rinvigorire la sua crescita.

I vantaggi della nuova strategia
Abbandonando il tradizionale modello della distribuzione di un prodotto fisico, come ad esempio i vecchi cd, Adobe potrà infatti usare maggiori risorse nello sviluppo della nuova piattaforma. La strategia, poi, riguarda anche la politica dei prezzi. D’ora in avanti i suoi clienti non pagheranno più una somma unica per garantirsi la licenze perpetue, ovvero il pacchetto di software e i suoi aggiornamenti, ma dovranno corrispondere un canone mensile. Questo, secondo noi, ha più di un vantaggio: avendo un prezzo di ingresso molto più basso, rende i suoi prodotti più accessibili, allargando la platea dei suoi clienti potenziali. Inoltre, in questo modo Adobe potrà rilasciare nuovi aggiornamenti con una maggior frequenza, e questo potrebbe ulteriormente cementare il legame con i propri clienti.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Adobe Systems Inc353,63 USD1,68

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Analista Azionario di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar