Questo (non) è l'ombelico d'Europa

Gli investitori mettono da parte le questioni italiane e tornano a concentrarsi sul complesso della crisi del Vecchio continente. Sperando nelle istituzioni. 

Marco Caprotti 26/04/2013 | 11:29
Facebook Twitter LinkedIn

Mentre l’Italia si guarda l’ombelico, il resto d’Europa ragiona sul modo migliore per uscire dalla crisi finanziaria. L’impasse politica del Belpaese, infatti, non è più la priorità nell’agenda degli investitori internazionali che continuano a ragionare sui numeri che arrivano dal Vecchio continente e sulle scelte prese per rimettere in carreggiata la crescita.

“Il vulcano del contagio è rimasto inattivo e la vigilanza esercitata dalla Banca centrale europea è potuta rimanere incredibilmente silenziosa”, spiega una nota firmata da Didier Saint Georges, membro del comitato investimenti di Carmignac Gestion. “Eppure, la gestione della crisi cipriota ha confermato che la modalità di risoluzione delle crisi nell’Eurozona rimane estremamente caotica. L’ulteriore rallentamento dell’economia in Europa allontana ogni giorno di più l’orizzonte temporale per la riduzione del debito dei paesi del sud. Sono eventi che, in questo primo trimestre, hanno contribuito ad affondare ulteriormente la barca europea”.

Il quadro macro
Gli ultimi dati confermano il momento ancora difficile che sta attraversando la regione. La prima lettura degli indici Pmi di aprile ha mostrato dati in linea con le attese, con l’indicatore dell’area euro composite invariato a 46,5 (confermando in questo modo la fase dell’economia europea su livelli leggermente recessivi). Per quanto riguarda i singoli paesi, la Germania ha mostrato un calo inaspettato (Pmi manifatturiero a 47,9 da 49 e Pmi servizi da 50,9 a 49,2), tornando sui minimi del 2012, mentre la Francia ha visto un miglioramento (Pmi manifatturiero a 44,4 da 44 e Pmi servizi da 41,3 a 44,1), pur rimanendo lontana da quota 50 (spartiacque tra recessione e espansione). “Il livello degli indici rende più probabile un taglio dei tassi di interesse da parte della Bce già nella riunione di maggio, anche se le aspettative del mercato sono per un taglio a giugno”, dice una nota di Banca Intermobiliare. L’indice di fiducia dei consumatori relativo all’area euro è migliorato a aprile di oltre un punto attestandosi a -22,3, comunque ancora lontano dalla media storica (-12,5). Il balzo di aprile deriva soprattutto da Germania, Italia e Spagna, mentre è calata la fiducia in Francia (business confidence da 91 a 88, con la componente situazione corrente ai minimi dal 2009).  Per quanto riguarda la Penisola, la fiducia dei consumatori è salita a 86,3, dal 85,2 di marzo. Negativi i dati sull’industria italiana a febbraio. Gli ordini sono scesi del 2,5% mese su mese, facendo arrivare il dato annuale a -7,9% dal precedente -3,3%. Il calo degli ordini è stato, come da attese, più importante a livello domestico (-11% su base annua) rispetto alla domanda estera (comunque negativa con un -3,5% annuo). Scende anche il fatturato, -1% mensile e -4,7% annuo. "I dati confermano la situazione difficile dell’economia italiana", continuano da Banca Intermobiliare.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy